Il gin diventa un lusso, il nuovo Gin Engine sul mercato è 100% Made in Italy

chiaraprossimo
06/04/2022

Il nuovo Gin Engine, 100% made in Italy e biologico, unisce i metodi artigianali tradizionali con un packaging innovativo ed accattivante, ispirato agli anni '80 e al mondo dei motori.

Il gin diventa un lusso, il nuovo Gin Engine sul mercato è 100% Made in Italy

Gin Engine. Il gin è ormai uno degli alcolici più in voga, tra i ragazzi così come tra gli adulti. Sorseggiare un buono gin, accompagnato da acqua tonica, giacchio e fetta di limone è ormai uso comune, e volte può diventare un vero e proprio lusso. Sopratutto se il tutto si svolge seduto ad un tavolo di un ristorante di alta cucina, dove si sta dedicando sempre più attenzione all’unione tra Food&Beverage. Ma vediamo insieme le caratteristiche di questo nuovo Gin Engine, 100% Made in Italy.

Apelle, a Ferrara miscelazione di qualità e cucina contemporanea

Gin è il distillato preferito

Il gin è uno dei distillati più amato dai giovani, ma non solo. Tanti sono i tipi, dal particolare gusto del Gin Mare al classico e più secco Tanqueray, del quale nel 2008 è stata creata addirittura una fraganza di profumo proprio partendo dagli ingredienti del Tanqueary No. Ten. Ma il gin non è più visto solo visto associato alla tonica per un drink da gustarsi in una serata all’insegna del divertimento. A volte può addirittura arrivare ad accompagnare vere e proprie esperienze culinarie nei ristoranti stellati. Insomma, se di alta qualità questo distillato può essere considerato vero e proprio lusso, come il nuovissimo Gin Engine. Vediamo di cosa si tratta.

Gin Engine, 100 Made in Italy e biologico

La formula di questo nuovissimo Gin si lega alla tradizione, il distillato è caratterizzato infatti da salvia e scorze di limone della Costiera amalfitana, con aggiunta di altri ingredienti biologici e provenienti dal territorio italiano. Già, perché punto forte del Gin Engine è proprio quello di essere 100% made in Italy e biologico. Gli ingredienti sono lavorati artigianalmente e la distillazione sottovuoto a bassissime temperature da vita ad una concentrazione importantissima di aromi e profumi naturali.

Gin Engine

Il gin Engine ha un carattere deciso e di qualità, difatti il suo futuro sembra già essere scritto. Presso il Tannico Wine Bar di Milanoinfatti è infatti sbarcato il distillato, per accompagnare una curiosa esperienza sensoriale. Sembrerebbe infatti che questo gin si abbini perfettamente con l’alta cucina, dando vita ad esplosioni divine. Il percorso culinario è passato dall’antipasto al dolce, tra piatti e cocktail categoricamente a base di Gin.

Como Lake Cocktail Week: l’arte della miscelazione sul Lago di Como

Packaging, motori ed anni ’80

Il Gin Engine nasce dall’idea di Paolo Dalla Mora, imprenditore nel settore della moda, della ristorazione gourmet e degli spirits. Oltre alla qualità biologica e italiana, a dare visibilità a questo gin sul mercato è sicuramente il suo packaging. Via alle classiche bottiglie di vetro, tappi di legno e quant’altro, il Gin Engine è imbottigliato in una tanica di latta da mezzo litro con un tappo a vite, che illude agli iconici contenitori di olio per macchine e scooter. Un vero e proprio omaggio al mondo dei motori e ai miti degli anni Ottanta, dal packaging sino al nome che appunto vuol dire “motore”. Insomma, un gin buono, di qualità 100% italiana e biologico, presentato in un modo innovativo ed accattivante. Quale miglior abbinamento per un Gin destinato al successo?

Gin Engine