London Fashion Week 2021. Tra alti e bassi “the show must go on”

Erika Barone
26/02/2021

A causa della pandemia i marchi grandi e piccoli si sono trovati a decidere se presentare le loro collezioni secondo il calendario ufficiale della London Fashion Week

London Fashion Week 2021. Tra alti e bassi “the show must go on”

Due settimane prima che la London Fashion Week 2021 desse il via al suo primo show uomo/donna completamente digitale, un gruppo di insider, da Paul Smith a Roksanda Illincic, hanno scritto una lettera aperta a Boris Johnson e al governo britannico. Nel contenuto hanno descritto in dettaglio le incredibili difficoltà vissute dai marchi post-Brexit.

London Fashion Week 2021. Tra alti e bassi "the show must go on"

London Fashion Week. Tra alti e bassi “the show must go on”

Sulla scia dell’uscita del Regno Unito dall’UE a dicembre, i marchi sono rimasti a bocca aperta di fronte all’aumento dei carichi di importazione ed esportazione, dall’insoddisfazione dei clienti e dalle nuove spese sostenute per la produzione nel loro paese d’origine. Con il Regno Unito attualmente al suo terzo blocco, i brand sono ancora alle prese con gli effetti in corso della pandemia Covid-19.

 

I marchi grandi e piccoli si sono trovati a decidere se presentare le loro collezioni secondo il calendario ufficiale della London Fashion Week 2021, o semplicemente più tardi. Seguendo questa nuova informalità, i programmi della settimana della moda si sono sovrapposti per la prima volta, con lo spettacolo A / I 2021 di Tom Ford a Los Angeles (New York Fashion Week) solitamente postuma alla London Fashion Week 2021. Ma per ciò che ci riguarda, ecco i big della London Fashion Week e un assaggio delle loro collezioni.

Roksanda

Roksanda

Il cortometraggio di Roksanda Ilincic ha presentato tre generazioni di donne – Vanessa Redgrave, Joely Richardson e Daisy Bevan – e ha celebrato la famiglia e le emozioni della vita quotidiana. È stato girato da Joely Richardson, a casa sua, con il suo iPhone, durante il lockdown. Collaborando tramite Zoom con la regista Linda Brownlee. Momenti teneri fugaci della clip hanno messo in mostra la collezione: maniche fluttuanti e corse per il giardino in abiti voluminosi dipinti a mano. La silhouette oversize di alcuni abiti è stata sapientemente costruita con singoli pezzi di tessuto.

Erdem, Photograph: Jason Lloyd-Evans

Erdem

Moralioglu ha attinto al balletto e alle fotografie di Margot Fonteyn, sia fuori servizio che sul palco. Tra le modelle c’erano quattro ballerine principali del Royal Ballet, del passato e del presente: Christina Arestis, Elizabeth McGorian, Zenaida Yanowsky e Marguerite Porter. Gli abiti accostavano gli abiti di prova con i costumi per la performance: leggings a coste, pantaloncini, lunghi guanti di lana e il glamour di soprabiti e coperte. Il tutto in contrasto con abiti caratterizzati da cristalli sovradimensionati. Motivi di piume e fasce per capelli di piume di struzzo suggerivano un’esibizione del Lago dei cigni.

Vivienne Westwood

Daphnis and Chloe, un dipinto del pittore rococò francese François Boucher nella Wallace Collection, è stato il punto di partenza di Vivienne Westwood per la London Fashion Week 2021. Il suo cielo e le scene pastorali si riflettono attraverso i colori e i tessuti. La stampa ha preso il ruolo di protagonista e ha attraversato la presentazione unisex di T-shirt, jeans, body, abiti e parka in stile redingote. Il 90% della collezione è realizzato con materiali che hanno un ridotto impatto sull’ambiente, incluso il denim riciclato. Oltre a un sistema di stampa forest positivo ed eco-innovativo che risparmia acqua e riduce al minimo le emissioni.

Milano Fashion Week 2021. Fendi apre il baule di famiglia e tira fuori meraviglie