Gli sportivi più pagati del 2020: da Cristiano Ronaldo a Roger Federer

Sono gli atleti più pagati del mondo hanno guadagnato quest’anno un totale di 3,6 miliardi di dollari, cifre da far girare la testa

Nella classifica stilata da Forbes, attualmente al primo posto come atleta più pagato del mondo c’è Roger Federer. È la prima volta che un tennista, è in testa alla classifica con sorpasso su due icone del calcio come: Cristiano Ronaldo e Lionel Messi. Federer guadagna 106 milioni di utili al lordo delle imposte.

Successo e soldi

Con 106,3 milioni di dollari (95,5 milioni di euro) Roger Federer si piazza in testa all’invidiabile classifica degli sportivi meglio pagati al mondo, secondo la classifica stabilita dalla rivista americana Forbes e pubblicata oggi 29 maggio. Il recordman di vittorie di tornei del Grand Slam deve questo risultato principalmente ai contratti pubblicitari e sponsor privati che gli assicurano 100 milioni di entrate tra il primo giugno 2019 e il 1° giugno 2020. Ricordiamo che Federer è anche il primo tennista in 30 anni a troneggiare al n. 1 dopo aver guadagnato, nella stima della rivista economica, 100 milioni di dollari fuori dal campo grazie al ventaglio delle sponsorizzazioni.

Le altre posizioni

A seguire il campione di tennis, Roger Federer, l’icona portoghese Cristiano Ronaldo con 105 milioni di euro (60 milioni di euro stipendio e 45 milioni di euro sponsor), Lionel Messi (104), figurano Neymar (95,5), LeBron James (88,2). Chiude la classifica dei 50 sportivi più pagati del 2020 il cestista statunitense Kyle Lowry con 28,5 milioni di euro (27 milioni di euro stipendio e 1,5 milioni di euro sponsor).Il campione elvetico è riuscito a ottenere il primato come effetto dell’esplosione dei contratti di sponsorizzazione con 12 diversi marchi internazionali, tra i quali Uniqlo (30 milioni di euro annui dal 2018) e Barilla (8,1 milioni di euro annui dal 2017).

Avatar

Written by chiaradinunzio

Sandali sabot 2020: i modelli più belli da indossare durante l’estate

Cressida Bonas ex del Principe Harry: “il timore di non essere perfetta”