Emergenza Coronavirus: Giorgio Armani chiude negozi e hotel a Milano

“Re Giorgio” prende un’altra importante decisione nella lotta al Coronavirus

Giorgio Armani prende un’altra importante decisione nella lotta al Coronavirus. E dopo la sfilata a porte chiuse e alla donazione agli ospedali, lo stilista ha deciso di
abbassare temporaneamente la saracinesca dei suoi negozi, ristoranti e
hotel a Milano. Tutto chiuso insomma, per incentivare ancor di più le persone a rimanere a casa, salvo casi eccezionali e per improrogabili esigenze di lavoro, come prevede il decreto del governo sull’emergenza Coronavirus.

giorgio armani

“A fronte delle recenti evoluzioni dei contagi da Coronavirus in Lombardia – si legge in una nota del gruppo Armani – e in continuità con le misure preventive finora adottate per non esporre ad alcun rischio la salute di dipendenti e clienti, il Gruppo  comunica  la  chiusura temporanea dei propri negozi, ristoranti e dell’hotel di Milano”.

giorgio armani

Giorgio Armani si è anche prodigato per sostenere la sanità pubblica, impegnata nella difficile battaglia contro il Covid-19. La Maison di “Re Giorgio” ha infatti donato un milione e 250mila euro alla Protezione Civile e agli ospedali Luigi Sacco, San Raffaele e Istituto dei Tumori di Milano, e Spallanzani di Roma.

Coronavirus: la donazione da 1 milione 250mila euro di Giorgio Armani

Avatar

Written by Andrea Principe

La moda ai tempi del Coronavirus: cosa succederà adesso?

Armani, Gucci e Max Mara: cancellate a causa del coronavirus le sfilate cruise