Depop, l’app di compravendita di pezzi di alta moda second-hand

chiaraprossimo
10/03/2022

In un momento in cui è in aumento il fenomeno di shopping online e l'interesse per il vintage, Depop è una delle migliori app di compravendita online di vestiti ed accessori di seconda mano.

Depop,  l’app di compravendita di pezzi di alta moda second-hand

Ormai la vendita e l’acquisto di merce online sta diventando sempre più un metodo veloce e super comodo per le proprie compere. Lo shopping tramite app è ormai consuetudine, anche se recarsi fisicamente in negozio si sa, ha tutto un altro sapore. Ma c’è chi ha una vita frenetica e preferisce semplicemente rimanere comodamente seduto sul divano mentre si rifà il guardaroba. E così per risparmiare ore di fila per provarsi un pantalone in camerino e code chilometriche alla cassa per pagare, le app di shopping sono una vera e propria svolta, proprio come lo è Depop.

Ma non solo. Un’altro interesse che sta crescendo è quello per il second hand. Tra tiktoker diventate virali per i video in cui si recano ai mercatini di Porta Portese portandosi a casa Levis originali a pochi euro, ed esperte di moda che sfoggiano modelli di borse tornati di moda anni ’50, il il vestiario vintage è ormai il più ricercato. Tra le migliori app che si occupano proprio di questo troviamo Depop. Come funziona e di cosasti tratta esattamente?

Le app di compravendita di vestiti usati, un fenomeno in crescita

Il fenomeno delle app di vestiti di seconda mano online è in fortissima crescita. Sarà forse perché sono cambiati i tempi e che ora abbiamo per quasi l’intero arco della giornata a che fare con la tecnologia. Sta di fatto che lo shopping su internet è una vera e propria rivoluzione. Tra le app più importanti di vestiario ed accessori usati ma in ottimo stato troviamo Vinted, Vestiaire Collective e sopratutto Depop. Di cosa si tratta esattamente e come funziona la compravendita di vestiti ed accessori di second hand?

Depop, cos’è e come funziona?

“Capi di design. Usato. Vintage. Streetwear. Scarpe da ginnastica. Qualunque sia il tuo stile. Lo trovi su Depop” è così che si presenta l’app Depop sulla sua pagina ufficiale. Ma di cosa si tratta esattamente? Depop è stata fondata nel 2011 dall’imprenditore italo-britannico Simon Beckerman ed è una piattaforma online attraverso cui acquistare e vendere capi d’abbigliamento di seconda mano, di qualsiasi genere e stile.

Depop app di second hand

Il bello di Depop è che puoi acquistare capi di seconda mano a prezzi vantaggiosi e sopratutto in ottimo stato. Ed allo stesso tempo ti permette anche di liberarti di vestiti, scarpe, accessori e oggettistica che non sono più di tuo interesse. Al momento gli iscritti alla piattaforma sono ben 26 milioni di utenti in 147 paesi. Depop offre gli strumenti per far interagire chi vende con chi compra. Chi vende si fa carico di tutto, a partire dalla scelta del prezzo fino alla spedizione dell’articolo.

Perché scegliere l’usato?

Le emissioni di gas serra dell’industria della moda globale sono pari a quelle di Francia, Germania e Regno Unito messi insieme. Ciò vuol dire che promuovere il riutilizzo di vestiti usati allunga la vita di un capo di circa 1,7 volte. Ma le motivazioni vanno ben oltre alla questione dell’inquinamento ambientale. Difatti, l’acquisto di abbigliamento usato risponde spesse volte al bisogno abbastanza diffuso nelle nuove generazioni di scappare da quella che percepiscono come una forma di omologazione. Nelle multinazionali, nelle grandi catene di negozi si trovato capi venduti in grandi quantità in tutto il mondo. Mentre sulle app di usato è possibile trovare pezzi unici e originali che sarà difficilmente anzi del tutto impossibile, trovare addosso a qualcun altro.

Depop app vestiti di seconda mano

Infine, c’è un altro fattore da tenere in considerazione; quello economico. Le app di vestiario ed oggettistica second-hand rispondono al bisogno di chi cerca pezzi di buona qualità o di grandi marchi ad un prezzo accessibile. Capi che, se comprati nuovi di zecca, non sono facilmente abbordabili. Sul Finalcial Times è stato scrittoche “i vestiti non vengono tanto posseduti quanto piuttosto noleggiati e poi ceduti di nuovo”. Un bellissimo modo per di vedere la compravendita di capi ed oggetti di seconda mano. I vestiti smessi tornano in circolo e vengono sostituiti dai vestiti smessi di altri.