Super Bowl 2020: Demi Lovato, dalla bipolarità al palco più ambito d’America

Ragazza prodigio, cantante e attrice. Dopo una dura lotta con la malattia mentale ieri 2 febbraio 2020 si è esibita al Super Bowl 2020

Ieri 2 febbraio 2020, alle ore 00.30 (ora italiana) è andata in onda la 54esima edizione del Super Bowl in diretta dall’Hard Rock Stadium di Miami, Florida. È stato un Super Bowl con un finale esaltante, duro scontro tra San Francisco 49ers e Kansas City Chief che tornano a vincere il Super Bowl dopo 50 anni per la seconda volta in assoluto. Sul palco più ambito d’America e forse quello più costoso, 30 secondi di pubblicità costano circa 5/ 5,2 milioni di dollari, si sono esibite star del calibro di Jennifer Lopez e Shakira. A cantare l’inno nazionale è stata Demi Lovato.

Jennifer Lopez e Shakira al Super Bowl: l’halftime più sensuale di sempre

JLo Shakira

Demi Lovato canta l’inno nazionale

Demi Lovato, ragazza prodigio, cantante e attrice stupisce tutti e ammutolisce durante l’inno nazionale. C’è chi dice che sia stato l’interpretazione più commovente di sempre. Forse per il carico di emozione che è riuscita ad esprimere. In effetti di emozioni Demi Lovato ne ha da mostrare. La sua vita privata non é stata di certo tra le più tranquille e serene. Demi Lovato arriva al successo da piccolissima attraverso la serie tv Disney Camp Rock. In una intervista ad Ellen DeGeneres, racconta di aver subito abusi da adolescente e frustranti atti di bullismo tanto da chiedere a sua madre l’istruzione privata.

Demi Lovato

Demi Lovato malattia e vita privata

Durante le audizioni per come protagonista per il film Camp Rock, il regista capisce che oltre ad essere una brava attrice, Demi Lovato é dotata di una vocalità straordinaria. l film debutta il 20 giugno 2008 negli Stati Uniti e fu visto da 8,9 milioni di spettatori, rendendola popolare tra gli adolescenti. Nel film canta “This is Me” con Joe Jonas e raggiunge la nona posizione della Billboard Hot 100. Nel settembre 2008 diventa la cantante di supporto del “Burnin’ Up Tour” dei Jonas Brothers.

Demi Lovato

Demi Lovato malattia mentale e rehab

Oggi Demi Lovato si é lasciata alle spalle le lunghe cure nei centri di ricovero, e non ha timore a parlarne. «Sono bipolare e ne sono orgogliosa» ha rivelato in una intervista a Vanity Fair. Per Demi Lovato qualcosa é iniziata a non andare più bene quando era all’apice del successo. Milioni di fan che la acclamavano e contratti milionari in mano iniziarono a non bastarle più, riusciva a riempire la voragine che aveva dentro solo con alcol e droghe.

Demi Lovato

Da li inizia il calvario. Entra ed esce dalle cliniche, il successo sembra sfumare. Dopo un periodo di cure, Demi sembra riprendersi. Torna a cantare e ad esibirsi ma il suo singolo “Sober” pubblicato il 21 giugno 2018, è una chiara confessione ad una ricaduta. Nel singolo chiede scusa ai genitori ammettendo di non essere più sobria. Ieri sera ha zittito tutti esibendosi favolosamente al centro del Hard Rock Stadium di Miami cantando con tutta l’emozione che aveva in corpo il tanto ambito inno americano “The Star Spangled Banner”

Avatar

Written by Sara Corsini

Leila Janah

Leila Janah, morta “l’imprenditrice dei poveri”

Ilary Blasi look scarpe e borse 2020: Lady Totti non bada a spese