Non è la Rai, Mediaset Extra: a che ora e dove guardare il cult show dei ’90

A ben 29 anni di distanza dalla prima puntata trasmessa in onda, torna in tv uno degli show cult degli anni Novanta

Non è la Rai fa il suo ritorno in televisione, da questa sera su Mediaset Extra, con una stupefacente maratona che vedrà il fischio d’inizio in prima serata. Dalle 21:15 fino alle 2:00 di notte, in compagnia di tutti i protagonisti più amati, con le puntate più belle del programma di Gianni Boncompagni e Irene Ghergo.

Non è la Rai: storia e curiosità

n. Tutto ha avuto inizio lunedì 9 settembre 1991, quando è stato trasmesso per la prima volta una puntata di Non è la Rai. La trasmissione è diventata un vero e proprio elemento di costume tipico dei Novanta. Dotato di ben quattro edizioni, è stato trasmesso prima su Canale 5 e poi su Italia 1. Non è la Rai è stato il primo show mandato in diretta della rete, girato dal centro Palatino di Roma. La prima edizione di Non è la Rai vede alla conduzione Enrica Bonaccorti con le co-conduttrici Antonella Elia e Yvonne Sciò. Da qui la clip del loro famoso e casto spogliarello pomeridiano live. L’ideatore e regista è Gianni Boncompagni, arrivato direttamente da quattro anni di direzione del programma Domenica In. Boncompagni si è spesso occupato anche delle scenografia, di parte delle musiche e delle scelte di casting.

Nel settembre del 1992 ha luogo la seconda edizione della trasmissione, ormai spostatasi su Italia 1, con la conduzione di una new entry, in sostituzione a Enrica Bonaccorti: Paolo Bonolis. Nella terza e quarta edizione, lanciate tra il 1993 e il 1995, Non è la Rai diventa talent scout e scopre tra le tante promesse dell’epoca il suo asso nella manica, Ambra Angiolini. In breve tempo, la giovane Ambra incarna il volto più celebre e iconico del programma. Tutto grazie alla sua energia, genuinità e allegria. È la prima esperienza di conduzione per la giovane Ambra Angiolini, che riesce comunque a padroneggiare ospiti importanti ed internazionali, quiz telefonici e sipari emozionanti. Il tutto condito da lacrime, urla e risate. Diventa un simbolo per le ragazze di Non è la Rai, ma anche per tutte quelle che fuori dagli studi la vorrebbero imitare emulando le mosse di T’appartengo, brano culto del programma. Non è la Rai chiude i battenti il 30 giugno 1995, tra i pianti commossi delle ragazze.

Doc-Nelle tue mani, Luca Argentero: dove, come, quando vedere la serie tv

Avatar

Written by Erika Barone

Sweet Tooth Netflix: la nuova serie ispirata al fumetto di Jeff Lemire

Fine quarantena: andare al mare sarà possibile, solo dentro scatole di plexiglas