Met Gala 2020 rinviato, lo annuncia Anna Wintour: Coronavirus spazza via tutto

A causa dell’inevitabile e responsabile decisione del Metropolitan Museum di chiudere le sue porte la serata di Gala non avrà luogo

Se pensavi che il tema dell’anno scorso, Camp, fosse astratto, aspetta di sentire qual è il tema del Met Gala 2020. “About Time: Fashion and Duration”, questo è il nome della mostra del Costume Institute del 2020. Il Coronavirus ha fermato anche il Met Gala 2020, l’appuntamento più atteso del mondo della moda. A darne la notizia è stata la direttrice di Vogue America, Anna Wintour. Dal 1995 è proprio Anna, giornalista ed editrice britannica, a organizzare l’evento. Gala che inaugura ogni primavera la mostra allestita al Costume Institute del Metropolitan Museum of Art di New York. «A causa dell’inevitabile e responsabile decisione del Metropolitan Museum di chiudere le sue porte, About Time e la serata di gala di apertura, non avranno luogo nelle data prevista». Si legge così nell’editoriale pubblicato sul sito di Vogue America.

Il tempo non si combatte, si celebra

Il 2020, per inciso, è il 150 ° anniversario del Metropolitan Museum of Art, che potrebbe aiutare a spiegare perché il trascorrere del tempo sia nella loro mente. Secondo Andrew Bolton, curatore del Met’s Costume Institute, «La moda è indelebilmente connessa al tempo. Non solo riflette e rappresenta lo spirito dei tempi, ma cambia e si sviluppa anche con i tempi. La mostra primaverile dell’Istituto del Costume mostrerà un secolo e mezzo di storia della moda. Storia cullata da il suo archivio e presentato secondo una linea temporale “dirompente”» riporta su Vogue. In un comunicato stampa, Max Hollein, direttore del Met, ha aggiunto: «Questa mostra prenderà in considerazione la natura effimera della moda, impiegando flashback e avanzamenti rapidi per rivelare come può essere sia lineare che ciclica».


Come osserva il New York Times, la mostra si ispira sia alle opere dell’autrice inglese Virginia Woolf  sia alle teorie del filosofo francese degli inizi del XX secolo Henri Bergson. La critica di moda principale del Times, Vanessa Friedman, scrive qualcosa di interessante. «Il risultato potrebbe essere il blockbuster più concettualmente astratto che l’Istituto Costume abbia tentato, alternando quello che Mr. Bolton chiama il tempo “oggettivo” del calendario e il tempo “soggettivo ” di creatività». Il galà sarà presieduto dal direttore creativo di Louis Vuitton Nicolas Ghesquière, Emma Stone, Meryl Streep, Lin-Manuel Miranda e, naturalmente, la redattrice capo di Vogue, Anna Wintour. Lo spettacolo del Met, che si aprirà il 7 maggio, presenterà 160 pezzi di moda femminile degli ultimi 150 anni. Dalle celebrità presenti, possiamo probabilmente aspettarci costumi d’epoca, spettacoli futuristici e tutto il resto. Come sempre, lo scoppio del tappeto rosso si terrà il primo lunedì di maggio. Segna i tuoi calendari.

Zendaya Coleman: dalla favola del Met Gala 2019 alla tossicodipendenza in Euphoria

Avatar

Written by Erika Barone

Compleanno Leone Lucia Ferragni: Chiara cucina una crostata, Fedez teme l’avvelenamento

Lady Diana e Meghan Markle: le somiglianze che forse non conoscevi