Maurizio Cattelan torna a Milano con una retrospettiva al Pirelli HangarBicocca 

Maurizio Cattelan torna ad esporre in Italia in occasione di una grande retrospettiva al Pirelli HangarBicocca di Milano: date e anticipazioni

Maurizio Cattelan torna ad esporre in Italia. L’occasione è una grande retrospettiva in programma dal 15 luglio al 20 febbraio 2022 al Pirelli HangarBicocca di Milano. La mostra si intitola Breath Ghosts Blind. Sarà una raccolta della carriera dell’artista con l’aggiunta di nuovi lavori pensati appositamente per l’evento.

Maurizio Cattelan HangarBicocca

Maurizio Cattelan HangarBicocca

Maurizio Cattelan ritorna ad esporre i propri lavori in Italia. L’artista, in questi ultimi anni, è stato protagonista di numerose retrospettive non tutto il mondo. La mostra che porta il nome di Breath Ghosts Blind, comprende lavori già conosciuti dal pubblico ma, soprattutto, opere inedite mai viste. Queste ultime sono state pensate proprio per gli spazi del Pirelli HangarBicocca di Milano. Maurizio Cattelan decide di esporre di nuovo a Milano, città che ha accolto alcune delle sue opere più criticate e controverse. Come l’installazione in Piazza XXIV Maggio Untitled. Oppure la scultura pubblica L.O.V.E del 2010, conosciuta anche come “il dito medio” a Piazza Affari.

Breath Ghosts Blind prevista dal 15 luglio al 20 febbraio 2022 al Pirelli HangarBicocca di Milano sarà una grande carrellata di opere di Cattelan. Alcune già enormemente famose, alcune invece incredibilmente inedite. L’artista italiano anche per questa retrospettiva decide di prendere spunto dagli eventi storici contemporanei che entrano a far parte in modo organico nella società e nella cultura odierna. Cattelan è sempre riuscito con le sue creazioni a mettere in risalto contraddizioni e ombre attraverso un linguaggio ironico, corrosivo e goliardico solo in apparenza.

Maurizio Cattelan HangarBicocca

L’esposizione in Pirelli HangarBicocca

La retrospettiva in programma dal 15 luglio al 20 febbraio 2022 al Pirelli HangarBicocca di Milano è a cura di Roberta Tenconi e Vicente Todolí, la mostra sarà accompagnata da un catalogo pubblicato da Marsilio Editori che comprende, tra gli altri, contributi critici di Francesco Bonami, Nancy Spector, Arnon Grunberg, Andrea Pinotti e Timothy Verdon. L’organizzazione ha inoltre commentato Breath Ghosts Blind affermando: «Si sviluppa in una sequenza di atti distinti che affrontano temi e concetti esistenziali come la fragilità della vita, la memoria e il senso di perdita individuale e comunitario. Il progetto site-specific dell’esposizione in Pirelli HangarBicocca mette in discussione il sistema di valori attuale, tra riferimenti simbolici e immagini che appartengono all’immaginario collettivo». 

>> Kandinsky è online: la grande mostra del Guggenheim formato virtuale

 

 

Written by Ilaria Di Pasqua

Brad Pitt nel bel mezzo del divorzio lascia un centro medico in sedia a rotelle

Ville di lusso. Cinque splendide destinazioni scelte dai vip e accessibili a tutti