L’italia delle biciclette elettriche: le due ruote conquistano la scena per viaggi e città

Grazie al Bonus mobilità le biciclette elettriche ottengono un grande successo nazionale. La produzione italiana cresce e l’export sale a doppia cifra

Le biciclette elettriche oramai sono diventate le Ferrari su due ruote. Richiestissime a livello nazionale, grazie anche al Bonus mobilità; quest’ultime sono figlie di una sempre maggiore coscienza ecologista, che sta imperando nel nostro tempo per salvaguardare l’ambiente. Il nostro Paese (l’Italia) è tra i maggiori produttori globali di due ruote elettriche.

L’Italia il Paese delle biciclette, una storia d’amore (su due ruote) infinita

L’Italia si sa, con i suoi film e le sue tradizioni, vede trionfare l’uso della bicicletta. Un’ infinita storia d’amore che dura da secoli. Da “ladri di biciclette” di Vittorio De Sica all’attuale produzione di bici elettriche, l’Italia è sempre stata al primo posto delle due ruote, ad oggi; super richieste anche sulla scena internazionale. Ma torniamo al punto più importante della questione:  quali sono  le migliori biciclette a pedalata assistita «italiana»? (ove questo aggettivo si riferisce alla nazionalità del brand).

Dalla Brinke Rushmore Evo Di2 al modello Fantic Issimo

Esistono diversi modelli di biciclette elettriche presenti sul mercato: Brinke Rushmore Evo Di2, Atala Cult Evo Sl, Bianchi Impulso e-AllRoad, Argento Piuma, Ekletta Naked-R, Fantic Issimo ed infine il modello Wilier Triestina 101FX Hybrid. Si “parte” in tutti i sensi, dalla lombarda Brinke che con la Rushmore Evo Di2 offre una due ruote elettrica che potremmo definire ibrida: è ottima in città ma è pensata anche per lunghi viaggi. La Atala Cult Evo Sl è una ebike urbana con a bordo ha tutto il necessario per affrontare la città.

Le biciclette elettriche più richieste

Bici da strada o mountain bike? La scelta può valere entrambe le richieste. Per questo sono (ri)nate le gravel, delle due ruote che prendono il meglio dalla strada e dalla mountain bike. Bianchi Impulso e-AllRoad la scelta migliore. La necessità di evitare i mezzi pubblici di questi ultimi tempi ha portato anche nuova attenzione verso le pieghevoli ( Argento piuma) , biciclette piccole e leggerissime con ruote da 16 a 20 pollici che possono essere caricate ovunque: in auto, portate in ufficio o in casa.

Ekletta Naked-R è una bicicletta elettrica urbana ma con prestazioni da fuoristrada, è una minibicicletta con pneumatici. La Fantic Issimo è una bici che sembra un ciclomotore del passato su cui spiccano però le ruote fat da 20 pollici lisce o tassellate. Estrema, la Wilier Triestina 101FX Hybrid ha un telaio leggero in carbonio monoscocca e doppio ammortizzatore.

 

Avatar

Written by valentinabissoli

Valentina Sampaio nella storia: la prima modella trans su Sports Illustrated

La cometa Neowise: sui nostri cieli visibile dal 23 luglio