L’importanza dei cuscini

Garantirsi un sonno confortevole e riposante è fondamentale per migliorare la qualità della propria vita: svegliarsi freschi e riposati aiuta ad affrontare ogni giornata con il sorriso e rinnovato entusiasmo! Per questo è importante dedicare molta attenzione non solo al materasso e alla rete del letto, ma anche ai cuscini.

Cuscini di qualità aiutano infatti ad adottare una postura corretta, perfettamente allineata dalle ginocchia ai fianchi, attraverso la colonna vertebrale fino al petto e alle spalle, alla testa e al collo: diversamente, se la colonna vertebrale e il corpo si trovano non allineati, si causa tensione e disagio al collo, alle spalle, alla schiena e, infine, la tanto temuta insonnia.

I migliori cuscini sostengono ottimamente testa, collo e spalle, evitando l’insorgere di dolori di natura muscolare. I diversi materiali – memory, schiuma di lattice, fibra, piuma – impiegati per la fabbricazione dei cuscini offrono un comfort impareggiabile, rispondendo alle diverse esigenze di benessere.

Cuscini: quando cambiarli

Un cuscino logoro, vecchio e sgonfio, non è certo la scelta migliore in termini di comfort e riposo: ma ogni quanto tempo si devono sostituire i cuscini? Come regola generale, i cuscini del letto dovrebbero essere sostituiti generalmente ogni 18 mesi, anche se quelli in memory foam durano più a lungo, fino a tre anni. Naturalmente, cuscini di qualità superiore dureranno più a lungo di quelli economici.

La vita media dei cuscini può sembrare ma breve, ma a conti fatti ogni cuscino viene in media utilizzato per 7-8 ore a notte, ovvero più di 2.500 ore all’anno! Come il materasso, anche il cuscino è un investimento necessario per garantirsi un sonno di alta qualità.

Cuscini: le opzioni disponibili

Esistono diversi tipi di cuscini, ognuno con diversi vantaggi e svantaggi a seconda della specifica composizione, in modo da poter soddisfare i bisogni e le esigenze di ciascuno, garantendo a tutti un meritato sonno ristoratore:

  • i cuscini in piuma, realizzati con piumino d’oca o di anatra, oppure con diverse combinazioni di piumino, piume e altre imbottiture, anche anallergiche, sono i più leggeri e morbidi.
  • i cuscini in piumino sintetico o poliestere, meno costosi della piuma naturale ipoallergenica, sono meno morbidi del piumino naturale e devono essere sostituiti più frequentemente perché tendono ad appiattirsi.
  • i cuscini di lana sono piuttosto rigidi, ma allontanano l’umidità dalla testa e dal collo e possono essere efficaci nell’aiutare a regolare la temperatura durante il sonno, garantendo caldo d’inverno e fresco d’estate. Sono naturalmente ipoallergenici e resistenti a muffe e acari della polvere.
  • i cuscini in cotone sono spesso un po’ piatti e rigidi, ma sono una scelta intelligente per le persone con allergie e sensibilità chimiche, essendo naturalmente ipoallergenici e resistenti agli acari della polvere e alle muffe.
  • i cuscini in lattice sono spesso progettati per fornire un supporto extra alla testa e al collo, o per limitare i movimenti durante il sonno. Per questo sono più rigidi di quelli in piuma e tendono a mantenere la loro forma nel tempo.
  • i cuscini in memory foam sono il vero must have degli ultimi anni, perché si adattano alla forma della testa, del collo e delle spalle, reagendo al peso e al calore corporeo. Sono l’ideale per le persone che soffrono di dolori cervicali che possono causare disagio durante il sonno.

Written by claudiodibona

Chiara Ferragni, dopo Baby V, torna alla Milano Fashion Week in gran stile

Donne di sala nella ristorazione moderna