Coronavirus: il Re della Thailandia in isolamento con un harem di 20 concubine

Il controverso re della Thailandia si è auto-isolato in un hotel di lusso nella località turistica alpina di Garmisch-Partenkirchen con il suo entourage

Il controverso re della Thailandia si è auto-isolato, causa Coronavirus, in un hotel di lusso nella località turistica alpina di Garmisch-Partenkirchen con il suo entourage. Si dice che il re Maha Vajiralongkorn, noto anche come Rama X, abbia prenotato l’intero Grand Hotel Sonnenbichl. Ciò sarebbe avvenuto subito dopo che l’hotel a quattro stelle ha ricevuto un “permesso speciale” dal consiglio distrettuale per ospitare la sua festa.

Coronavirus: il Re della Thailandia in isolamento con un harem di 20 concubine

L’entourage del re 67enne include un “harem” di 20 concubine e numerosi servi, secondo il tabloid tedesco Bild. Non è chiaro se le sue quattro mogli vivano in hotel con il resto del gruppo.

A pensioni e hotel nella regione è stato ordinato di chiudere, a causa della crisi del coronavirus. Un portavoce del consiglio distrettuale locale afferma che il Grand Hotel Sonnenbichl sia un’eccezione perché “gli ospiti sono un unico gruppo omogeneo di persone senza fluttuazioni”. Tuttavia, 119 membri dell’entourage sarebbero stati rimandati in Thailandia con il sospetto di aver contratto il Coronavirus. La notizia dell’apparente autoisolamento di Vajiralongkorn nella location di lusso è stata accolta con rabbia da decine di migliaia di thailandesi. Sudditi che hanno rischiato di infrangere le leggi del Paese di lesa maestà criticandolo online.

Coronavirus: il Re della Thailandia in isolamento con un harem di 20 concubine

Secondo le leggi, chiunque insulti o critichi la monarchia potrebbe essere imprigionato fino a 15 anni.

Un hashtag thailandese tradotto in “Perché abbiamo bisogno di un re?” è apparso 1,2 milioni di volte su Twitter. Virale in sole 24 ore, no appena un attivista ha affermato che Vijaralongkorn stesse viaggiando verso la Germania, mentre l’epidemia da Coronavirus continuava a diffondersi in tutta la Thailandia. Il Ministero tailandese della sanità pubblica ha annunciato sabato 109 nuovi casi nel paese, portando il numero totale di infezioni a 1.245. L’attivista Somsak Jeamteerasakul, che vive in esilio in Francia, ha pubblicato una serie di post accusatori su Facebook. Tali post affermano che Vajiralongkorn stesse volando dalla Svizzera verso vari punti in Germania dall’inizio di marzo “per noia”. Il re thailandese non è apparso in pubblico nel suo paese d’origine da febbraio, secondo il Times. Il suo regno in Thailandia è iniziato nel 2016 dopo la morte di suo padre, Bhumibol. Sebbene non ci sia modo di valutare la sua popolarità tra i thailandesi a causa delle severe leggi di lesa maestà, si ritiene che non sia così amato come suo padre, che ha governato per oltre 70 anni.

Coronavirus: New Balance cambia produzione, non più scarpe ma mascherine

Avatar

Written by Erika Barone

La Pinella: il blog di Alessia Marcuzzi compie 10 anni

La Pinella: il blog di Alessia Marcuzzi compie 10 anni

Naomi Campbell: la venere nera e i segreti per mantenersi in forma