Virgil Abloh morto a 41 anni: visionario come Jeff Koons e iconico come Karl Lagerfeld

La morte di Virgil Abloh è stata annunciata nella serata di ieri, domenica 28 Novembre, dal gruppo LVMH e dalla sua etichetta Off-White

Il mondo della modo non potrebbe essere più in lutto di così,Virgil Abloh è morto. Uno stilista di spicco la cui rivoluzionaria fusione di streetwear e alta moda lo ha reso uno dei più celebri creator e non solo. Il cancro se l’è portato via a 41 anni.

La morte di Abloh è stata annunciata nella serata di ieri, domenica 28 Novembre, dal gruppo del lusso LVMH (Louis Vuitton Moët Hennessy) e dall’etichetta stessa di Abloh, Off-White, fondata nel 2013. Virgil Abloh era il direttore artistico dell’abbigliamento maschile di Louis Vuitton. C’è chi lo ha paragonato a Jeff Koons, mentre altri lo hanno salutato come il Karl Lagerfeld della sua generazione. “Siamo tutti scioccati dopo questa terribile notizia. Virgil non era solo un designer geniale, un visionario, era anche un uomo con un’anima meravigliosa e una grande saggezza”, ha dichiarato Bernard Arnault, presidente e amministratore delegato di LVMH.

Una dichiarazione della famiglia di Abloh sull’account Instagram del designer afferma che gli fosse stato diagnosticato due anni fa un angiosarcoma cardiaco, una rara forma di tumore al cuore. “Ha scelto di sopportare la sua battaglia in privato sin dalla sua diagnosi nel 2019, sottoponendosi a numerosi trattamenti impegnativi, il tutto mentre guidava diverse istituzioni significative che abbracciano moda, arte e cultura”.

Virgil Abloh chi è lo stilista Off White: morte, età, carriera, Louis Vuitton

Nel 2018, Abloh è diventato il primo direttore artistico nero dell’abbigliamento maschile di Louis Vuitton. Un americano ghanese di prima generazione, la cui madre sarta ha insegnato a cucire. Abloh non aveva una formazione formale nella moda, ma aveva una laurea in ingegneria e un master in architettura. Cresciuto a Rockford, nell’Illinois, fuori Chicago, è stato spesso definito un uomo rinascimentale nel mondo della moda. Ha brillato come DJ. Ma in breve tempo, è emerso come uno dei designer più acclamati della moda. Abloh si definiva “un creator”. È stato nominato una delle persone più influenti della rivista Time nel 2018. Il designer è stato direttore artistico per l’album Ye-Jay-Z del 2011 “Watch the Throne”, per il quale Virgil è stato nominato a un Grammy.

La stella della moda ha anche disegnato mobili per IKEA, bottiglie ricaricabili per Evian e cartoni Big Mac per McDonald’s. Il suo lavoro è stato esposto al Louvre, al Gagosian e al Museum of Contemporary Art Chicago. Pharrell Williams ha definito Abloh “un genio creativo gentile, generoso e premuroso”. “Lo streetwear nella mia mente è legato a Duchamp”, ha detto Virgil Abloh al New Yorker nel 2019. “È questa idea del readymade. Sto parlando del Lower East Side, New York. È come l’hip-hop. È il campionamento. Prendo James Brown, lo faccio a pezzi, faccio una nuova canzone”. Le star si sono messe in fila per essere vestite da Abloh. Beyoncé, Michael B. Jordan, Kim Kardashian West, Timothée Chalamet e Serena Williams hanno indossato i suoi vestiti.

Idee regalo per il Natale: i box regalo di Orominerva

Written by Erika Barone

Idee regalo per il Natale: i box regalo di Orominerva

Un Natale a “secco”? I problemi di approvvigionamento frenano il settore del vino