Viaggio in Egitto: una vacanza a Sharm con i bambini

A differenza di quel che si potrebbe pensare, Sharm è una meta turistica decisamente adatta ai bambini. Si tratta di una destinazione che può essere raggiunta praticamente in ogni periodo dell’anno, grazie all’assenza pressoché totale di precipitazioni e al clima secco. Come è facile immaginare, comunque, le temperature aumentano in maniera drastica nel corso della stagione estiva: per questo motivo se si viaggia con i più piccoli è consigliabile scegliere i mesi autunnali o quelli primaverili. E in inverno? Le temperature sono comunque gradevoli e miti, e al massimo sarà l’acqua a risultare leggermente fredda: un problema che può essere risolto facilmente con una muta leggera, comunque.

Che cosa serve per andare in vacanza a Sharm

 

Per viaggiare in Egitto a Sharm non c’è bisogno del passaporto e può bastare la carta di identità, a condizione che abbia non meno di 6 mesi di validità residua; servono anche due foto in formato tessera che dovranno essere utilizzate per il visto. In valigia non bisogna dimenticare di mettere delle calzature adatte per camminare sugli scogli, dei cappellini e crema solare in grandi quantità. Vale la pena di avere con sé anche coprispalle e giacche, perché per paradosso all’interno dei resort può fare freddo a causa dell’aria condizionata accesa al massimo: l’escursione termica può avere conseguenze non piacevoli.

Cosa c’è da sapere prima di partire

La durata del viaggio tra l’Italia e Sharm è tutto sommato breve: 5 ore di volo da Milano e 4 ore di volo da Roma. In estate non c’è il fuso orario, mentre con l’ora solare in inverno c’è un’ora di differenza. Di norma non è richiesto alcun tipo di vaccinazione. Nel caso in cui si viaggi con i bambini, è meglio evitare i villaggi e i resort che presentano spiagge di roccia a strapiombo: molto meglio le strutture con spiagge di sabbia, dove i piccoli saranno al sicuro, anche se questo vuol dire essere un po’ più lontani rispetto alla barriera corallina, che in ogni caso può essere raggiunta con un normale pontile. Sarebbe ideale la presenza di piscine naturali all’interno del complesso, ma questo ovviamente dipende dalla collocazione della struttura.

Le soluzioni di Alpitour

Sono tante le soluzioni messe a disposizione da Alpitour per una vacanza a Sharm con i bambini. I Club di questa realtà, in particolare, offrono tutti i comfort e tutti i servizi che si possono desiderare quando si viaggia in giro per il mondo ma, al tempo stesso, non si vuol rinunciare alla tradizione italiana.

Tra i negozi e il centro storico

Oltre che per il mare, Sharm merita di essere raggiunto anche per altri motivi: per esempio la zona commerciale e il centro storico, che potranno interessare anche i bambini. Che si tratti di fare un giro al Mercato Vecchio o di ammirare da vicino la Moschea, lo stupore sarà sempre assicurato. Tra un negozio di souvenir e l’altro, poi, ci si può spostare verso il quartiere di SOHO Square, all’insegna della modernità: da vedere i giochi luminosi delle fontane, mentre i più piccoli si possono sbizzarrire tra piste da bowling, piste di pattinaggio sul ghiaccio e giostre. Nella maggior parte dei casi sono i resort stessi a mettere a disposizione un servizio navetta. Gli amanti dello shopping possono concedersi una gita a circa 80 chilometri di distanza da Sharm per arrivare a Dahab, suggestiva città beduina ricca di negozi in cui è possibile comprare davvero di tutto, dalle stoffe ai prodotti di artigianato, dai profumi ai gioielli. Sempre ricordando che poi tutti gli acquisti dovranno trovare posto nella stiva dell’aereo!

Mare o deserto?

Il bello di Sharm sta nella sua capacità di affiancare i paesaggi più diversi: il deserto e il mare. Nel primo caso ci si può concedere un’esplorazione in sella a un cavallo, a bordo di un fuoristrada o tra le gobbe di un cammello, per una passeggiata slow. Da non mancare è il classico incontro a base di t in una tenda beduina. Ci sono anche gite che prevedono di partire nelle ore pomeridiane, così da assistere al calar del sole direttamente sulla distesa desertica, per poi cenare sotto le stelle.

Attività per i bambini

Per i bambini, le attività da svolgere a Sharm non mancano di certo. Ad appena una ventina di minuti di distanza, per esempio, c’è il centro del Dolphina Park, dove si organizzano show che vedono i delfini protagonisti. Lo snorkeling, invece, è una possibilità che viene concessa nel parco nazionale di Ras Mohamed, la più importante riserva naturale egiziana situata a una quarantina di chilometri di distanza da Sharm, sul versante meridionale della penisola del Sinai. Tra coralli e pesci esotici, ci si può preparare a una meravigliosa esplosione di colori, sia scegliendo l’escursione via terra che optando per quella via mare. È comunque consigliabile la prima, se ci sono anche dei bambini, per concedere loro l’opportunità di scoprire il Lago Magico, le distese di mangrovie e la Porta di Allah.

A bordo di un sommergibile

E a proposito di avventure destinate a rimanere ben impresse nella memoria dei più piccoli, non si può non menzionare l’escursione sul sommergibile. Ne partono diversi dal vecchio porto di Sharm El Maya. Il tour guidato dura più o meno un’ora e mezza e viene effettuato nella zona attorno a Ras Um Sid, che è un caleidoscopio di coralli. Molto attraenti sono, infine, le barche con il fondo trasparente.

Written by claudiodibona

Georgina Rodriguez, prima di Cristiano Ronaldo tutta un'altra storia

Georgina Rodriguez, prima di Cristiano Ronaldo tutta un’altra storia: la casa in cui viveva

Mercato immobiliare a Torino: quali sono le zone in cui investire