Sostituire le sigarette tradizionali con lo svapo: quali sono i benefici?

In questo articolo illustreremo i vantaggi legati all’abbandono delle sigarette in favore dello svapo e spiegheremo perché i liquidi per e-cig siano meno dannosi rispetto al tabacco

Chi fuma abitualmente da diverso tempo si rende conto, con il passare degli anni, che il prezzo da pagare per mantenere questo vizio è molto caro.

Giorno dopo giorno si fa sempre più fatica durante gli sforzi fisici più elementari, diventa difficile dormire serenamente a causa di problemi nella respirazione e si è costretti a recarsi sempre più spesso dal proprio medico per via dei sintomi causati dai veleni che si aspirano ogni giorno.

È molto frustrante avere a che fare costantemente con problemi del genere, ma non è facile trovare una soluzione. Non tutti, infatti, sono in grado di smettere di fumare di punto in bianco resistendo agli effetti delle crisi di astinenza da nicotina.

«Perché non provi con lo svapo? Scegli la tua nuova sigaretta elettronica e butta quella porcheria che ti fumi ogni giorno». Magari a qualcuno sarà capitato di sentirsi dire una frase del genere da qualche amico.

Purtroppo le notizie circa i benefici del passare dalle bionde alle e-cig sono spesso confuse e contraddittorie ed è difficile capire dove sta la verità.

In questo articolo illustreremo i vantaggi legati all’abbandono delle sigarette in favore dello svapo e spiegheremo perché i liquidi per e-cig siano meno dannosi rispetto al tabacco.

Cosa c’è dentro al liquido per lo svapo

Il liquido delle sigarette elettroniche è composto da varie sostanze presenti in concentrazioni variabili in base al risultato che si vuole ottenere. Queste sono:

  • il glicole propilenico: utilizzato anche nell’industria dello spettacolo per alimentare le ‘macchine del fumo’. Un’alta concentrazione di questa sostanza aumenta la sensazione di ‘colpo in gola’ al momento dell’aspirazione;
  • la glicerina vegetale: utilizzata come additivo nell’industria alimentare e farmaceutica. È un liquido viscoso che aumenta la corposità e la quantità di vapore prodotto dalla e-cig;
  • nicotina liquida: la sua concentrazione dipende dal tipo di liquido e dalle esigenze di chi svapa. Per il tiro da guancia può oscillare tra i 6 e i 18 mg/ml. Se si tira da polmone, la concentrazione va diminuita entro valori che possono andare dagli 0,5 ai 3-4 mg/ml. Chi supera totalmente la dipendenza da nicotina può anche optare per liquidi che non ne contengono affatto;
  • aromi liquidi.

Alcuni studi hanno rilevato negli e-liquid la presenza di sostanze tossiche come la formaldeide. Per correttezza è opportuno tenere a mente che queste ultime si trovano anche nel fumo di sigaretta, e in concentrazioni decisamente superiori.

Anche l’AIRC afferma che svapare è meno rischioso che fumare

La ricerca scientifica sembra attualmente orientata a sostenere che l’elettronica sia un’alternativa che presenta meno rischi per la salute rispetto alle sigarette tradizionali. La stessa Associazione Italiana per la Ricerca sul Cancro afferma che le e-cig sono meno dannose delle bionde.

Per questo, sostituire il tabacco con lo svapo può avere effetti benefici sulla salute, tra i quali:

  • riduzione della sensazione di fiato corto;
  • riduzione del senso di oppressione al petto;
  • miglioramento della salute orale. Alitosi, ingiallimento dei denti, sanguinamento gengivale e infezioni dell’oro-faringe sono molto comuni nei fumatori. Svapare evita che si verifichino tali disturbi;
  • aumento della capacità polmonare;
  • miglioramento del senso del gusto;
  • miglioramento del senso dell’olfatto;
  • calo della produzione di catarro.

Ecco perché le e-cig producono meno tossine rispetto alle bionde

Le e-cig sono, di norma, composte da due elementi: una box che contiene le batterie, alimenta il dispositivo e regola il funzionamento dell’intero sistema, e un atomizzatore che contiene il liquido e lo vaporizza.

La vaporizzazione avviene attraverso il riscaldamento di una resistenza contenuta nell’atomizzatore. Quest’ultima può avere varie dimensioni e può essere costruita con diversi materiali in base alla tipologia di liquido che si intende svapare. Attualmente sono costituite, nella maggior parte dei casi, da un involucro contenente un filo metallico rivestito di cotone.

Il cotone è a diretto contatto con il liquido contenuto nel serbatoio e, quando viene riscaldato dal filo della resistenza, lo rilascia sotto forma di vapore. A questo punto il vapore si fa strada lungo una campana che si collega al drip tip, il bocchino presente in cima all’atomizzatore.

Quest’ultimo può avere vari diametri in base al tipo di tiro effettuato (da guancia o da polmone).

Il motivo alla base della ridotta nocività dell’elettronica rispetto alle sigarette tradizionali è legato alla temperatura d’esercizio. Le resistenze delle e-cig superano raramente i 200°C, evitando che avvenga la combustione, una reazione chimica responsabile del rilascio di numerose sostanze tossiche e cancerogene.

Questo fenomeno avviene, invece, con le bionde che, in fase di aspirazione, raggiungono temperature vicine ai 900°C!

In conclusione

Abbiamo illustrato quali sono i benefici per chi passa dal fumo allo svapo e in che modo le e-cig producono vapore evitando i pericoli della combustione tipici delle sigarette tradizionali.

I disturbi legati al tabagismo compromettono pesantemente la salute, ma smettere di fumare può essere estremamente difficile. Con le sigarette elettroniche si può compiere un primo, importante, passo verso il miglioramento delle proprie condizioni e migliorare la propria aspettativa di vita.

Se sei un fumatore e fatichi ad abbandonare le bionde, valuta la possibilità di passare alle e-cig e acquista il tuo primo dispositivo presso rivenditori seri e affidabili come il noto Terpy.

Written by claudiodibona

Guida Michelin 2022: le nuove stelle, i premi speciali e le novità di quest’anno

Cos’è la nail art?