Ritorna il Vic-20: per molti è stato il primo pc ad entrare nelle case

TheVic20 riprende alla perfezione la macchina di 40 anni fa. I grandi classici che ritornato in un’atmosfera vintage

TheVic20. Per molti, il primo pc ad essere entrato nelle case ben 40 anni fa. Un grande classico, superato dal progresso tecnologico in costante evoluzione e cambiamento. L’atmosfera vintage, però, è ineguagliabile. Tastiera dai toni color sabbia, il Vic-20; ha 64 giochi precaricati e il Basic. Si contraddistingue soprattutto per il suo design, al contrario delle nuove tecnologie; fredde e standardizzate.

TheVic20: il ritorno di un grande classico della tecnologia

Se lo sviluppo tecnologico è avvenuto in maniera repentina, il gusto del vintage, questa volta; la fa da padrone. Anche in ambito tecnologico. Per i convinti nostalgici delle vecchie tecnologie, è in arrivo per loro una bella novità: Il Vic-20 sta tornando. Il personal computer nato nel 1980 che fece da apripista al Commodore 64 a cui seguì il popolarissimo Pet. Presto ritornerà sul mercato con il nome TheVic20.

Riassaporare la tecnologia del passato

L’aspetto del pc è proprio come quello del passato, nessun cambiamento. La tastiera color sabbia che lo contraddistingue. I tasti neri e marroni, che funzionano esattamente come se tornassimo nel 1980. In aggiunta, delle succose novità.

TheVic20 novità in arrivo

Tre modalità di avvio introdotte in questa nuova versione. TheVic20 può caricare il Vic-20 Basic originale, il C64 Basic del Commodore 64 o Games Carousel, un’interfaccia molto user friendly che consente di accedere a 64 giochi precaricati.

Segno dei tempi, che si riallacciano ad un’epoca oramai passata, ma presto rivisitata;  ecco l’Hdmi per il collegamento al televisore e quattro prese Usb multifunzione. Permettono di collegare controller e joystick, ma anche di aggiornare il sistema e caricare altri titoli, magari quelli multidisco che ci facevano impazzire negli anni 80′.

L’uscita del TheVic20 prevista per il 23 ottobre 2020

Preordinabile a 110 sterline, circa 121 euro, continua quel ritorno del retrogaming che da qualche anno vede protagoniste anche le grandi multinazionali. Fino ad oggi sono ricomparse sul mercato tecnologico versioni del Nintendo e Super Nintendo ad opera dei papà di Super Mario. Gioco rimasto nella storia e sicuramente il più conosciuto. Inoltre, la prima PlayStation nata direttamente da Sony. E questo giusto per citarne alcuni, e per cercare di limitare; la nostra irrefrenabile nostalgia ancora per un pò di tempo.

Avatar

Written by valentinabissoli

“Ritorno al futuro”: come sono diventati i suoi protagonisti 35 anni dopo?

Legendary Excalibur, l’intramontabile slot machine medievale [Recensione]