Due anni senza Kobe Bryant. Vanessa, sua moglie confessa: «Il dolore è tanto»

Sono passati due anni da quel maledetto incidente aereo dove ha visto morire nove persone, tra cui Kobe Bryant e la figlia di 13 anni Gianna.

Sono passati due anni da quel maledetto incidente aereo dove ha visto morire nove persone, tra cui Kobe Bryant e la figlia di 13 anni Gianna. La vedova, Vanessa, ha sempre cercato di trovare un ragione per andare avanti, soprattutto per far vivere meglio le altre tre figlie. Agguerrita e consapevole Vanessa ha anche intentato una causa contro la polizia di Los Angeles. Andiamo a vedere di cosa si tratta.

Kobe Bryant

Kobe Bryant muore due anni fa

Due anni fa, nove persone morirono in un incidente in elicottero sulle colline a nord-ovest di Los Angeles, tra cui la leggenda della NBA Kobe Bryant e la figlia di 13 anni GiannaVanessa Bryant e le sue altre tre figlie sono tra coloro che da allora hanno cercato di farcela. La vedova si lascia andare in una toccate intervista in cui da dichiarato: «Il dolore non è lineare. Ogni giorno è diverso e faccio del mio meglio per mettere un sorriso sul mio viso per le mie bambine. Voglio che vivano nell’amore e non nella perdita. E faccio uno sforzo consapevole per cercare di ritrarre che per loro va tutto bene».

Kobe Bryant famiglia

Vanessa Bryant e la causa a Los Angeles

La moglie di Kobe Bryant, Vanessa, ha recentemente intentando una causa. Infatti la contea di Los Angeles è stata citata in giudizio dalla Bryant per violazione della privacy e negligenza. La vedova accusa i vigili del fuoco della contea e i dipendenti del dipartimento dello sceriffo di aver scattato e condiviso in modo improprio le foto del marito e della figlia morti sulla scena dell’incidente. Afferma di aver subito un disagio emotivo a causa di quelle azioni e chiede danni per milioni di dollari per rimediare.

Kobe Bryant moglie

>> È morto lo stilista francese Manfred Thierry Mugler: visionario della moda contemporanea

Written by Ilaria Di Pasqua

La lavorazione della pelle e del cuoio

Vacanze Elleniche: l’isola di Zante