Dior apre il suo primo ristorante stellato nel bel mezzo di Parigi: sarà gestito da Jean Imbert

Dior apre un ristorante a Parigi con lo chef Jean Imbert. Il ristorante sarà situato all’interno della rinnovata sede della casa al 30 di Avenue Montaigne.

Dior apre un ristorante a Parigi con lo chef Jean Imbert. Il ristorante, progettato dall’architetto Peter Marino, sarà situato all’interno della rinnovata sede della casa al 30 di Avenue Montaigne.

Jean Imbert Dior

Dior apre un ristorante a Parigi

Quando Dior riaprirà la sua sede storica al 30 di Avenue Montaigne dopo due anni di lavori di ristrutturazione, l’edificio di sei piani avrà una nuova attrazione: un ristorante progettato dall’architetto Peter Marino e gestito dallo chef francese Jean Imbert.

«Jean Imbert, lo chef di questo nuovo indirizzo che celebra l’arte di vivere cara a Monsieur Dior, si è ispirato agli archivi della maison – in cui è stato immerso per due anni – per immaginare creazioni eccezionali che riflettono la storia di Dior, da la sua fondazione ad oggi. Una gastronomia che riflette i valori della maison, al crocevia tra patrimonio e futuro», ha detto la maison in esclusiva al giornale online WWD. La mossa arriva quando LVMH Moët Hennessy Louis Vuitton, la società madre di marchi tra cui, Louis Vuitton e Fendi, si spinge ulteriormente nell’ospitalità mentre i consumatori di fascia alta si dedicano alla cucina raffinata, alle vacanze e ad altre esperienze di lusso.

Dior restaurant

Jean Imbert 

Vincitore dell’edizione francese di “Top Chef” nel 2012, Imbert gestisce diversi ristoranti, tra cui Mamie par Jean Imbert a Parigi, specializzato in ricette raccolte da sua nonna. Ha due iniziative con il musicista Pharrell Williams: Swan a Miami e To Share a Saint-Tropez, situato nell’hotel White 1921 gestito da LVMH. Questa sarà la sesta impresa di ristoranti, che ha una terrazza estiva a Saint-Tropez chiamata Dior des Lices, gestita dallo chef Arnaud Donckele, oltre ai Cafè Dior a Tokyo, Seoul, Miami e Honolulu.

«Christian Dior amava i piatti tradizionali francesi come i crauti, la bistecca con sale marino grosso, il cosciotto di agnello o lo stinco di prosciutto», ha affermato Soizic Pfaff, direttore della divisione dell’archivio Dior Heritage. «Uno dei motivi per cui ha scelto di avere lasede in Avenue Montaigne è che era anche la sede di Plaza Athénée, dove gli piaceva andare a mangiare».

>> Accessori luxury: borsa e scarpe Dior valgono una fortuna. Quanto costano?

Written by Ilaria Di Pasqua

La star di Tik Tok Khaby Lame sorpassa Chiara Ferragni su Instagram

Giorgio Armani per la settimana della moda uomo a Milano: eleganza e semplicità