Coronavirus, Boris Johnson in terapia intensiva: Trump gli spedisce farmaci sperimentali

Oggi Boris Johnson sta ancora combattendo il Coronavirus in terapia intensiva, e pare non ci sia stato nessun cambiamento durante la notte

Boris Johnson ha trascorso la notte in terapia intensiva, ma non si sono verificati cambiamenti alla sua condizione di salute relativa al contagio da Coronavirus. Oggi Boris Johnson sta ancora combattendo il Coronavirus in terapia intensiva, e pare non ci sia stato nessun cambiamento durante la notte. Le ultime ore trascorse tra un’ondata di sostegno e l’altra da parte di tutta la nazione.

Le condizioni

Johnson è stato trasferito in terapia intensiva presso l’Ospedale di San Tommaso, nel centro di Londra. Ha ricevuto ossigeno dopo che la sua salute è peggiorata bruscamente in sole due ore, facendo temere che avesse bisogno di un ventilatore. Ma così non è stato, ha detto il ministro del governo senior Michael Gove. Il 55enne è stato trasferito in terapia intensiva alle 19:00, causa di difficoltà respiratorie. Costringendolo a “delegare” il proprio ruolo agli Esteri Dominic Raab, lasciandogli prendere le redini del governo. In una serie di interviste trasmesse stamattina, il ministro del governo Michael Gove ha affermato che Boris Johnson stia ricevendo le migliori cure. «Mentre parliamo, il Primo Ministro è in terapia intensiva e viene curato dal suo team medico, riceve le migliori cure dal team di St. Thomas. E le nostre speranze e preghiere sono con lui e con la sua famiglia», ha detto a BBC Breakfast.

Coronavirus, Boris Johnson in terapia intensiva: Trump gli spedisce farmaci sperimentali

Trump accorre

Gove ha rassicurato che il governo non rimarrà paralizzato dal fatto che il suo leader sia momentaneamente (si spera) fuori combattimento. «Il Consiglio dei Ministri è l’organo decisionale supremo», ha affermato. La regina viene informata costantemente sulle condizioni di Boris Johnson. Mentre, proprio questa mattina, Raab presiederà una riunione della task force governativa sul Coronavirus. Nel frattempo, Donald Trump ha rivelato di essersi offerto di inviare farmaci sperimentali a Mr Johnson per curarlo dal Coronavirus. «Ho chiesto a due delle aziende leader… sono venute con le soluzioni e hanno appena fatto lavori incredibili. Quindi gli ho chiesto di contattare immediatamente Londra», ha dichiarato Trump. «L’ufficio di Londra ha tutto ciò di cui ha bisogno. Vedremo se possiamo essere d’aiuto. Abbiamo contattato tutti i medici di Boris e vedremo cosa accadrà, ma sono pronti per partire.» 

Coronavirus, Boris Johnson in terapia intensiva: Trump gli spedisce farmaci sperimentali

4 litri di ossigeno per il premier Boris Johnson

Le fonti di Downing Street hanno confermato che il signor Johnson, dunque, non è ancora attaccato a un ventilatore, ma che sia stato trasferito in terapia intensiva, col macchinario vicino e pronto all’uso. Due terzi dei pazienti in terapia intensiva con Coronavirus sono sedati e vengono attaccati a un ventilatore entro 24 ore dall’arrivo, quando la malattia attacca i loro polmoni. La scorsa notte un medico ha dichiarato al Times che Boris Johnson fosse cosciente e che non fosse stato intubato. Pare siano stati richiesti circa quattro litri di ossigeno anziché i 15 litri usati da un paziente medio in terapia intensiva Covid-19.

Coronavirus, positivo al test Boris Johnson, Primo Minstro britannico

 

Avatar

Written by Erika Barone

Madonna: gli abiti più belli indossati negli anni ’80

Coronavirus, Levi's dona 3 Milioni di $ per aiutare dipendenti e pensionati

Coronavirus, Levi’s dona 3Milioni di $ per aiutare dipendenti e pensionati