Bollywood, morto Rishi Kapoor: in India la fine di un’era nel mondo del cinema

Rishi Kapoor è tornato in India lo scorso settembre dopo essere stato in cura negli Stati Uniti per quasi un anno, ma non ce l’ha fatta

È morto il più famoso attore indiano Rishi Kapoor, il rampollo della famiglia Kapoor, tra le famiglie più famose di Bollywood. Aveva 67 anni e soffriva di leucemia.

La battaglia persa di Rishi Kapoor

L’icona indiana di Bollywood, Amitabh Bachchan, ha twittato giovedì «Rishi Kapoor andato … È appena morto … Sono distrutto». Kapoor è stato ricoverato in ospedale a Mumbai mercoledì ed è morto giovedì, secondo una dichiarazione di famiglia. Rishi Kapoor è tornato in India lo scorso settembre dopo essere stato in cura negli Stati Uniti per quasi un anno. Il primo ministro Narendra Modi ha affermato che Kapoor fosse un concentrato di talento. «Ricorderò sempre le nostre interazioni, anche sui social media. Era appassionato di film e progressi dell’India». Suo padre Raj Kapoor e suo nonno Prithviraj Kapoor erano pezzi grossi di Bollywood, la vasta industria cinematografica in lingua hindi con sede nella città costiera occidentale di Mumbai. Ha ricevuto il National Film Award per il suo ruolo di debutto come artista bambino nel film di suo padre del 1970 “Mera Naam Joker”. L’attore Rishi Kapoor ha recitato in oltre 90 film. Sua moglie, Nitu Singh, ha recitato in molti dei suoi film. Suo figlio Ranbir Kapoor è attualmente uno dei migliori attori di Bollywood.

Bollywood, morto Rishi Kapoor: in India la fine di un’era nel mondo del cinema

Rahul Gandhi, un leader del Partito del Congresso, ha dichiarato che questa è stata una settimana terribile per il cinema indiano. Un altro attore di punta, Irrfan Khan, è morto mercoledì, anche lui di cancro. Kapoor ha avuto un grande fan seguito da intere generazioni. La star del cinema Priyanka Chopra ha affermato che la morte di Rishi Kapoor abbia segnato la fine di un’era. «#Rishisir il tuo cuore sincero e il tuo talento incommensurabile non si incontreranno mai più». I successi popolari di Kapoor includevano “Laila Majnu”, una storia di amanti indiani, “Debito”, “Moonlight”, “A volte”, “Mare” e “Fulmine”. Nel 1999, ha diretto “Torniamo indietro”. Passò ai ruoli secondari negli anni 2000 e film famosi tra cui “Namastey London” e “Love Aj Kal” o “Love Today and Tomorrow”. Ha recitato fino a poco tempo fa e il suo ultimo film “The Body” è stato pubblicato nel 2019.

Sergio Rossi morto per Coronavirus. la dipartita di un mito del Made in Italy

Avatar

Written by Erika Barone

1 Maggio 2020: la festa dei lavoratori nonostante il Coronavirus

Elisabetta Canalis Instagram: in quarantena ci vuole un fisico bestiale

Elisabetta Canalis Instagram: in quarantena ci vuole un fisico bestiale