Beyoncè: la figlia di nove anni Edera Blu vince il suo primo Grammy Awards

La figlia di Beyonce e Jay-Z, Blue Ivy ha vinto il suo primo e prestigiosissimo Grammy, che la rende la seconda più giovane della storia ad aver conquistato il premio

Grammys 2021, Beyoncé: la figlia Blue Ivy, 9 anni, vince un premio. Proprio così. Nonostante la giovanissima età, la figlia dell’icona internazionale è la seconda più giovane artista della storia ad aver conquistato il prestigiosissimo premio. Non solo Beyoncé è entrata nella storia, diventando l’artista donna ad aver vinto il maggior numero di Grammy Awards in assoluto. La figlia maggiore Blue Ivy a soli 9 anni ha vinto il suo primo riconoscimento, in condivisione con la madre. Durante questa edizione dei premi, considerati veri e propri Oscar della musica, Queen Bee ha portato a casa quattro trofei, arrivando a un totale di 28 Grammy ricevuti nel corso della sua carriera.

La figlia maggiore di Beyoncè trionfa ai Grammy Awards 2021. Una famiglia da record

Uno dei quattro riconoscimenti è stato quello della categoria Best Music Video, ricevuto per «Brown Skin Girl», brano che fa parte del suo immaginifico visual album «Black is King»: il premio, però, è condiviso con gli altri due autori del pezzo e soprattutto con la figlioletta Blue Ivy che vi partecipa. Blue Ivy Carter diventa così la seconda artista più giovane della storia a vincere un Grammy, dopo Leah Peasall del gruppo country The Peasall Sisters, premiata quando aveva 8 anni per la colonna sonora di «Fratello, dove sei?» nel 2002.

“È un piccolo contributo, ma conta … e Blue è anche un nome in primo piano nella canzone. Quindi, sì… ottiene anche credito, e altrettanto importante, ottiene anche una statuetta — che si unisce ai suoi, che hanno dozzine di Grammy tra di loro. Ora, è un affare di famiglia!”. Si presenta durante tutto il video insieme a sua madre, ma verso la fine.

Blue Ivy Carter è la seconda artista più giovane della storia a vincere un Grammy, dopo Leah Peasall

Una famiglia da record. Beyonce, vincendo quattro premi in questa edizione (Miglior video musicale con “Brown Skin Girl”, miglior performance rap e miglior canzone rap per “Savage” con Megan Thee Stallion e miglior performance R&B con “Black Parade‘), ha totalizzato 28 Grammy in carriera, un numero con cui ha battuto il record di premi totali vinti da un’artista donna, finora è appartenuto alla violinista Alison Krauss, che si è però “fermata” a 27 premi. Un altro premio “famiglia” per Beyoncè, che ha visto premiata la figlia Ivy Carter, di soli nove anni, per “Brown Skin Girl”. Non è il primo record per la precoce figlia d’arte, sotto i riflettori da quando è nata, portata sul palco o alle cerimonie dai genitori fin da piccolissima e protagonista di una vita da vera mini-diva, regolarmente documentata dai rotocalchi internazionali.

epa09075264 A handout photo made available by The Recording Academy shows Beyonce (R) and Megan Thee Stallion accepting the Best Rap Performance award for ‘Savage’ onstage during the 63rd Annual Grammy Awards ceremony at the Los Angeles Convention Center, in Los Angeles, California, USA, 14 March 2021. EPA/Kevin Winter / HANDOUT ATTENTION EDITORS: IMAGE TO BE USED ONLY IN RELATION TO THE STATED EVENT / HANDOUT EDITORIAL USE ONLY/NO SALES/NO ARCHIVES

D’altra parte, Blue Ivy è l’erede di una delle coppie più potenti e affermate dello star system mondiale. Primogenita di Beyoncé Knowles, cantautrice, attrice, autrice, produttrice, e di Jay-Z, rapper, cantautore e produttore. Anche Jay-Z non ha di certo mancato di vincere un Grammy (lo condivide con la moglie e con Megan Thee Stallion per aver scritto «Savage», premiata come Best Rap Song), portando il suo totale a 22 premi. E c’è chi fa notare che il medagliere della famiglia Carter-Knowles, includendo anche il Grammy vinto dalla sorella di Beyoncé, Solange Knowles, nel 2017, è uno dei più ricchi e considerevoli in assoluto. Sovviene la celebre espressione: “Buon sangue, non mente”.

Written by valentinabissoli

Mother’s Day: Il principe Harry e i fiori per mamma Diana. Il piccolo George: «Cara nonna Diana, ti voglio bene e ti penso sempre»

Throwback incontra James Bond. Pasquale D’Avino è il nuovo 007 del fashion under 30, parola di Forbes