Anna May Wong doodle di Google: prima attrice asiatica a diventare star di Hollywood

La prima star cinese che appare sul grande schermo del cinema hollywoodiano. Una carriera lunga e variegata che ha attraversato sia il cinema muto che quello sonoro, la televisione, il teatro e infine la radio

Anna May Wong fu la prima attrice di origini asiatiche ad apparire sul grande schermo. Era nata nel 1905 nella Chinatown di Los Angeles da genitori cinesi. L’attrice lavorò fin da piccola in film che divennero poi molto popolari come per esempio “Il ladro di Bagdad” del 1924, continuando a ricevere soprattutto proposte per ruoli secondari o compensi inferiori a quelli degli altri attori e delle altre attrici. Ma poi arrivò per Anna May l’anno della svolta.

Carriera

Erano gli anni ’30 quando Anna May Wong raggiunge l’apice del successo. Viaggiò molto in Europa facendosi conoscere in film e commedie di successo (tra cui Piccadilly, del 1929) e diventando una vera e propria icona di stile grazie al modo in cui vestiva e parlava e soprattutto grazie al suo atteggiamento, che sfidava le convenzioni del tempo. L’anno successivo fu la protagonista del suo primo film parlato, girato contemporaneamente in tre versioni: inglese “The Flame of Love”, francese “L’Amour maître des choses” e tedesca “Hai-Tang”, riuscendo a padroneggiare benissimo i tre idiomi, ma il film ebbe solo critiche negative. Anna Wong ritornò sotto i riflettori negli anni ‘50, con numerose apparizioni televisive, oltre che nella sua serie The Gallery of Madame Liu-Tsong del 1951, il primo programma della televisione statunitense ad avere come star una donna di origine asiatica.

Icona

Anna May Wong oltre ad essere la prima attrice di origini asiatiche, a comparire sul grande schermo, nel 1932, quando recitò con Marlene Dietrich in “Shanghai Express” e la Mayfair Mannequin Society di New York la nominò “donna meglio vestita del mondo”.

Avatar

Scritto da chiaradinunzio

Le coppie di Hollywood che ci hanno convinto che il vero amore esiste: da Clooney e Amal a Smith e Jada

Chanel collezione Primavera/Estate 2020: il Gran Palais diventa un orfanotrofio