Guerra in Ucraina, corsa al sabotaggio degli oligarchi russi e dei loro yacht

La Guerra in Ucraina si fa sentire anche in Europa dove tutti stanno facendo il possibile per sabotare gli oligarchi russi

La Guerra in Ucraina si fa sentire anche in Europa dove tutti stanno facendo il possibile per sabotare gli oligarchi russi. Ecco infatti che la Francia ha sequestrato uno yacht di proprietà dell’oligarca russo Igor Sechin. In Germania invece, le autorità hanno sequestrato il superyacht da 600 milioni di dollari appartenente al miliardario russo Alisher Usmanov. 

Guerra Ucraina Oligarchi russi

Guerra in Ucraina, oligarchi russi: il caso dello yacht in Francia

Sechin è l’amministratore delegato del colosso petrolifero russo Rosneft. L’Unione Europea ha sanzionato Sechin all’inizio di questa settimana, descrivendolo come uno dei “consiglieri più fidati e più stretti del presidente russo Vladimir Putin, nonché suo amico personale”. Lo yacht che possiede, chiamato “Amore Vero” – o “True Love” in italiano – è arrivato a gennaio al porto francese di La Ciotat nel Mediterraneo. La partenza dal porto era prevista per il 1 aprile. “Grazie ai doganieri francesi che stanno applicando le sanzioni dell’Unione europea contro coloro che sono vicini al governo russo”, scrive in un tweet il ministro delle finanze francese Bruno Le Maire.

Guerra in Ucraina Sechin

Sechin è stato vice primo ministro della Russia dal 2008 al 2012. L’Unione europea afferma che i suoi legami con Putin sono “lunghi e profondi”. A fronte delle ultime azioni russe che anno portato al compimento della Guerra in Ucraina, le istituzioni decidono di prendere seri provvedimento. Ecco infatti che all’inizio di questa settimana, Le Maire annuncia che la Francia ha istituito una task force. Questa è atta a completare un censimento delle attività finanziarie e dei beni di lusso di proprietà di personalità russe oggetto di sanzioni dell’UE.

Guerra Ucraina Oligarchi russi

Secondo yacht: quello di Usmanov ad Amburgo

Secondo quanto riferito, le autorità tedesche hanno sequestrato il superyacht da 600 milioni di dollari appartenente al miliardario russo Alisher Usmanov in un cantiere navale di Amburgo. Come già annunciato la Guerra in Ucraina si fa sentire anche in Europa e le istituzioni stanno facendo di tutto per ostacolare gli oligarchi russi. Lo yacht Dilbar di 156 metri di Usmanov, del valore di 600 milioni di dollari e considerato il più grande yacht a motore del mondo per stazza lorda, è stato sequestrato mercoledì dalle autorità tedesche, secondo un rapporto di Forbes basato su tre fonti dello yacht industria.

Guerra Ucraina Oligarchi russi

Il consigliere ucraino del ministro degli affari interni, Anton Geraschenko, ha risposto al rapporto su Telegram dicendo che lo yacht dovrebbe essere inviato in Ucraina e riadattato come incrociatore missilistico. Usmanov ha acquistato Dilbar nel 2016 dal costruttore navale tedesco Lürssen, che lo ha costruito su misura per lui in 52 mesi. L’azienda lo definisce “uno degli yacht più complessi e impegnativi mai costruiti, in termini sia di dimensioni che di tecnologia”.

Al momento del suo lancio, il CEO di Lürssen Peter Lürssen ha dichiarato: «Dilbar dispone delle tecnologie di sicurezza più avanzate di qualsiasi superyacht al mondo. Ma le cose che hai letto su di esso che contengono un sistema di difesa missilistica antiaerea sono tutte sciocchezze»

>> L’oligarca russo Abramovich vende il Chelsea, il ricavato sarà devoluto per le vittime della guerra in Ucraina

 

Written by Ilaria Di Pasqua

Festa della Donna, “Non una di meno” chiama allo sciopero generale; i motivi

Gli italiani temono la guerra nucleare, la folle corsa all’acquisto di bunker