Coronavirus: mascherine, copriscarpe e tute protettive, gli stilisti scendono in campo

L’industria della moda mondiale si è fatta avanti per fare la sua parte ed aiutare il Paese a sopravvivere alla crisi Coronavirus

L’industria della moda mondiale si è fatta avanti per fare la sua parte ed aiutare il Paese a sopravvivere alla crisi Coronavirus. La risposta alla chiamata della comunità medica di fronte alla carenza di forniture negli ospedali, è stata forte e immediata. Un team di progettisti si è riunito per produrre i necessari dispositivi di protezione individuale (DPI) per gli operatori sanitari: tute, maschere e copriscarpe.

Mich Dulce faro nella notte

La stilista filippina Mich Dulce dirige il progetto in soccorso pandemia Coronavirus, il Manila Protective Gear Sewing Club, mano nella mano con l’ufficio del vicepresidente Leni Robredo. Mitch ha avviato il progetto via Facebook il 20 marzo, quando ha telefonato per la prima volta ai suoi colleghi nel settore della moda. Il suo post su Facebook recitava: «La mia amica Cynthia Diaz ha rotoli di tessuto non tessuto da 75 gsm, da trasformare in tute protettive, mascherine e copriscarpe, che vorrebbe donare. VP Leni ci presterà campioni di dispositivi di protezione, in modo che possiamo crearne uno schema e iniziare la produzione.»

Lo stilista Rajo Laurel all’opera con un piccolo team di volontari per aiutare la produzione di DPI da distribuire al personale sanitario.

«Per ora il mio studio si concentrerà sulla realizzazione di questo mentre il mio team lavora su questo da casa. Il materiale sarà distribuito tramite l’Ufficio del Vice Presidente. Per gli amici del settore della moda che hanno studi / fabbriche ancora in funzione, o con la capacità di lavorare da casa, che vogliono aiutare, per favore scrivete in DM. Proviamo a fare in modo che questo materiale diventi qualcosa che i nostri operatori sanitari possano usare. Se hai una macchina da cucire puoi aiutare. Una volta create le forme delle tute, ne faremo copie e li distribuiremo insieme al tessuto.»

Il 21 marzo, Mich ha riunito una piccola squadra di volontari per aiutare in soccorso pandemia Coronavirus. Ora, il team ha bisogno di più materiali e il designer Rajo Laurel si è messo in contatto con Mich. Allo stesso modo, Michael Leyva ha anche riunito un team per produrre tute DPI, copricapo e maschere. Lo stilista ha pubblicato su Instagram la sua gratitudine per gli operatori sanitari e il suo team di produzione: “Questo non sarebbe stato possibile senza la dedizione e la volontà del mio team di aiutare.”

Coronavirus, morto il Principe Filippo? Il mistero di Buckingham Palace

Avatar

Written by Erika Barone

Perché acquistare un libro fotografico?

I look della quarantena, se vi piacete allo specchio il vostro umore salirà alle stelle