Come scegliere il correttore più adatto in base a prezzo e qualità: alcuni consigli utili

Il correttore e il fondotinta fanno parte dei prodotti di bellezza che possono immediatamente risvegliare il tono della pelle se essa risulta stanca o irregolare a causa di macchie o impurità. Il correttore è sicuramente l’articolo più conosciuto fra tutti quelli del makeup quotidiano. Come suggerisce il nome, dovrebbe cancellare dal volto le tracce di affaticamento e renderlo così più fresco. La pelle intorno all’occhio è più sensibile e per evitare che si secchi e che i prodotti cosmetici possano segnare le piccole rughe, i correttori hanno una consistenza cremosa molto più leggera dei fondotinta, e quindi vengono preferiti ad essi per il contorno occhi. 

Varie fasce di prezzo: i correttori devono per forza costare molti soldi?

Uno dei dubbi più comuni e legittimi prima di ogni acquisto è il famoso rapporto qualità prezzo. Essendo un prodotto così popolare e ricercato sarà disponibile in diverse taglie e prezzi. Ma ad un correttore economico corrisponde sempre una scarsa qualità nei prodotti componenti e nella sua tenuta e coprenza? La risposta è no! Secondo il sito soluzione.online infatti non c’è una correlazione fra prezzi bassi e bassa qualità, al contrario, tra i più venduti e con feedback migliori da parte degli acquirenti troviamo proprio quelli economici. 

Come applicare il correttore nella giusta maniera

Il correttore viene applicato prima o dopo il fondotinta liquido a seconda della copertura desiderata (prima del fondotinta dopo aver dormito dieci ore e dopo per coprire le conseguenze di una notte turbolenta). Nel caso di fondotinta in polvere, viene applicato prima per evitare l’effetto paté. Il correttore può essere scelto anche leggermente più chiaro rispetto al colore pelle per un immediato effetto anti-fatica. Illuminare non significa sbiancare, basta un correttore di una tonalità al di sotto del colore della propria pelle. Applica un prodotto ben pigmentato dalla giusta tonalità e presto scompaiono brufoli e occhiaie.

Correttore come “riflettore di luce”

Il correttore non è lì per correggere le imperfezioni, ma per dare una piccola spinta alla carnagione che, per effetto ottico, può aiutare a rinfrescare l’aspetto e ridare vitalità alla pelle, ma è strettamente inutile in caso di grandi occhiaie o pelle acneica poiché esso non è uno strumento curativo.  Questo tipo di prodotto con una consistenza fluida viene spesso presentato sotto forma di stick o pennello. La sua applicazione viene eseguita dopo il fondotinta e prima della cipria fissativa. 

Come scegliere il giusto colore di correttore

Per trovare il correttore che corrisponde perfettamente ai propri bisogni non è difficile, bisogna solo conoscere i principi della colorimetria, ciò permetterà di sapere quale tonalità usare per neutralizzare il colore delle occhiaie.  

 

  • Occhiaie marroni, viola o nere: correttore giallo

 

Le occhiaie scure sono le più difficili da nascondere perché a volte sono molto pigmentate. I correttori giallo e albicocca neutralizzano al meglio le tonalità scure. Tuttavia, se la carnagione è molto chiara è preferibile optare per un correttore rosa che migliorerà maggiormente il viso;

 

  • Occhiaie blu o verdi: correttore arancione

 

Il rosso-arancio sarà l’alleato perfetto per camuffare le occhiaie che diventano blu o verdi, poiché questi colori si neutralizzano a vicenda. 

Dopo aver applicato e miscelato il correttore, ricordati di usare anche un concealer.  Con questi suggerimenti, le occhiaie non saranno più un problema nella routine del trucco.

 

Avatar

Written by Redazione

Daniel Craig in “No Time To Die” veste Made in Italy: le creazioni di Massimo Alba

Ashley Graham incinta e in bikini per Swimsuit For All 2020: i costumi per donne curvy