Pitti Uomo 2022: 101esima edizione all’insegna della moda sostenibile

Ilaria Di Pasqua
12/01/2022

Il Covid non ferma il Pitti Uomo 2022, arrivato alla sua 101esima edizione raddoppia i brand espositori e punta tutto sulla moda sostenibile

Pitti Uomo 2022: 101esima edizione all’insegna della moda sostenibile

Via alla 101esima edizione di Pitti Uomo: la fiera più importante del settore maschile inaugurata ieri alla Fortezza da Basso a Firenze si basa tutta sui temi della sostenibilità, del rispetto dell’ambiente e dell’upcycling.

Pitti Uomo 2022

Pitti Uomo 2022

Pronti, partenza, via. Il Pitti Uomo 2022 è iniziato. Tra molti cambianti ed alcune novità, nonostante l’emergenza sanitaria in corso questa fiera di abbigliamento uomo ha ancora tanto da mostrare. Inziamo subito con le notizie negative: Brunello Cucinelli e Ann Demeulemeester non ci saranno, alcuni eventi sono stati rimandati e niente Vip testimonial. Ma ma “Pitti Uomo” si fa, fino al al 13 gennaio, alla Fortezza da Basso a Firenze. La moda maschile torna protagonista nella sua 101esima edizione, tra innovazione e grandi classici, anche se con stringenti norme anti-covid.

Pitti Uomo 2022

Gli espositori saranno 610, i brand sono invece 540 di cui 151 provenienti dall’estero. Circa il doppio dell’anno scorso (315).

Le novità della 101esima edizione

Il fil rouge della 101esima edizione di Pitti uomo sarà “Pitti Reflections” ovvero «finestre che si aprono», spiega in apertura Agostino Poletto, direttore generale di Pitti Immagine, «squarci che portano dentro e fanno guardare lontano, rimandi che vanno oltre quello che ci si aspetta per rappresentare un nuovo inizio, proprio come Pitti Uomo 101». La fiera di moda più importante per l’uomo sarà partita in sezioni. Infatti l’esposizione prevede un percorso diviso in tre macro aree per raccontare tre diversi stili: Fantastic Classic, Dynamic Attitude e Superstyling. 

Pitti Uomo 2022

Ed è proprio la sostenibilità che caratterizza Pitti uomo 2022. SIStyle Sustainable at Pitti è il nuovo contest prodotto dall’organizzazione Pitti Immagine e Unicrdit a Firenze. Il compito di questa “gara” è la celebrazione dei brand e degli stili innovatori della moda, attendi all’ambiente. Ma soprattutto, i designer che fondano il proprio lavoro sul rispetto delle pratiche ecologiche e di economia circolare. Molti sono i brand in gara: Save the duck, Ecoalf, Maxime Paris Design, N Palmer e molti altri.

>> Giorgio Armani per la settimana della moda uomo a Milano: eleganza e semplicità