Mercato immobiliare a Torino: quali sono le zone in cui investire

Per chi ha intenzione di investire nel mercato degli immobili a Torino, può essere utile conoscere le migliori zone da prendere in considerazione a questo scopo. Fra queste c’è senza dubbio San Salvario, quartiere noto per la sua movida e la sua vita notturna. Situato dietro la stazione di Porta Nuova del capoluogo piemontese, è molto frequentato dai ragazzi ed è ben servito, anche perché vicino al centro di Torino: quindi, ideale per locazioni destinate sia a studenti che a turisti.

Investire in un immobile a Borgo Campidoglio

Altro quartiere che merita una certa attenzione è Borgo Campidoglio, anche se situato in una posizione un po’ decentrata: una situazione che, tuttavia, non rappresenta un problema, visti i collegamenti garantiti dalla linea della metropolitana. Sono numerosi gli appartamenti che si possono trovare in questa zona, sia che si sia disponibili a ristrutturare sia che si sia in cerca di soluzioni di nuova costruzione. I prezzi sono nel complesso vantaggiosi, a maggior ragione se si tiene conto dei numerosi servizi disponibili nella zona. Per questo, gli esperti ritengono che Borgo Campidoglio sia più adatto a locazioni sul lungo termine che non ad affitti per turisti o studenti.

Le altre zone di Torino da privilegiare

Quando si è in cerca di investimenti immobiliari nel capoluogo piemontese, poi, ecco che non si può non citare il quartiere Crocetta, fra i più affascinanti ed eleganti di tutta la città, grazie ai suoi tanti palazzi in stile Liberty. Stiamo parlando di un quartiere che si trova in una posizione a suo modo strategica, considerata la vicinanza con il centro storico. Proprio a Crocetta, per altro, c’è la sede del Politecnico di Torino: quindi se si vuol mettere in affitto un appartamento non sarà difficile trovare studenti interessati. Vale la pena di sapere che, in previsione di un acquisto, i prezzi non sono certo bassi: tuttavia si può ipotizzare con un certo grado di sicurezza che l’investimento sarà ripagato in breve.

Casavo e il mercato immobiliare di Torino

Da qualche anno a questa parte, il mercato immobiliare di Torino è stato sconvolto in positivo dall’arrivo della piattaforma Casavo, un sistema che mette a disposizione dei venditori e degli acquirenti di immobili una soluzione alternativa rispetto al classico processo di compravendita delle case. Ciò è possibile in virtù dell’impiego di una tecnologia all’avanguardia, che consente di ridurre in modo significativo i tempi a beneficio di tutti gli utenti. Casavo, per altro, rimette in vendita gli immobili solo dopo che questi sono stati ristrutturati, il che rappresenta un evidente valore aggiunto non solo per il mercato ma anche per il consumatore.

I valori di Casavo

In tutti i processi di acquisto Casavo tende a perseguire valori di alto livello, quali la fiducia, la sicurezza e la trasparenza. La mission è una sola, vale a dire garantire una esperienza di utilizzo differenziata e unica. Casavo è nata come startup nel 2017 con lo scopo di favorire l’innovazione all’interno del comparto immobiliare. In concreto, questa realtà si propone come un instant buyer, vale a dire un acquirente istantaneo nel mercato delle case, riuscendo a offrire un prezioso valore aggiunto a tutti i soggetti coinvolti nelle compravendite di immobili residenziali: sia gli acquirenti che i venditori, insomma. Ciò ha permesso di risolvere un problema ben noto sul mercato, e a dir la verità piuttosto critico: quello dei tempi di transazione fin troppo lunghi, per non dire estenuanti.

Perché affidarsi a Casavo

Chi si affida a Casavo ha la certezza di poter beneficiare di una notevole accelerazione dei tempi relativi ai processi di vendita e acquisto di immobili. Il soggetto che mette in vendita la propria abitazione, se decide di accettare l’offerta di Casavo, porta a termine l’affare in appena 30 giorni, grazie a un acquisto diretto che viene garantito dopo non più di due visite della casa. Tutto questo è possibile in virtù di un sistema di valutazione automatizzato che è correlato a un algoritmo, il quale a sua volta lavora basandosi su molteplici parametri del settore e tiene conto di numerose variabili di carattere qualitativo e quantitativo. Così, i venditori ricevono nel giro di sole 48 un’offerta di acquisto.

Written by claudiodibona

Viaggio in Egitto: una vacanza a Sharm con i bambini

Golden Globe 2022 red carpet annullato: cosa è successo

Golden Globe 2022, annullato il Red Carpet: ecco cosa è successo