La lavorazione della pelle e del cuoio

La pelle e il cuoio sono due materiali che attirano in maniera significativa l’attenzione, e proprio per questo motivo vengono impiegati per la realizzazione di prodotti di artigianato e di articoli di lusso contraddistinti da standard di qualità davvero elevati. Ci sono svariate lavorazioni a cui si può ricorrere per ottenere i risultati desiderati, variabili a seconda del tipo di obiettivo che si ha in mente: si va dalla pittura all’intaglio, dalla tintura alla modellatura, dall’ingrasso alla pirografia. E, ancora, non si possono non citare la perforazione, le incisioni laser e gli stampaggi, che prendono il nome di tooling.

Alla scoperta delle lavorazioni della pelle

La pittura del cuoio e della pelle prevede di applicare dei colori o dei pigmenti a base di acqua. Una tecnica differente è quella della tintura, che si esegue con prodotti a base alcolica, che vengono assorbiti dal materiale trattato. La modellatura prevede, invece, di immergere nell’acqua la pelle allo scopo di aumentarne la flessibilità, così che la si possa modellare più facilmente. Gli stampaggi e le incisioni, ancora, vengono effettuati con timbri che premono sulla superficie della pelle conciata allo scopo di creare delle impronte. La compressione di pelle inumidita finalizzata alla creazione di motivi tridimensionali prende il nome di intaglio, mentre la perforazione consiste nell’applicare fori con una funzione decorativa sui vari strati di pelle.

Quali sono i più importanti prodotti in pelle e in cuoio

È soprattutto nel mondo della moda che la pelle e il cuoio trovano largo utilizzo, grazie alla realizzazione di una lunga serie di accessori basati proprio su questi materiali. Ecco, allora, che si possono citare i portafogli e le borsette, ma anche le valigette, le cinture e le scarpe. Allargando lo sguardo al di là del settore fashion, ecco i beauty e i bauletti, ma anche altri accessori di lusso: il cuoio e la pelle, infatti, sono vere e proprie icone di uno stile esclusivo. Non a caso i prodotti realizzati si caratterizzano per un costo elevato. Vale la pena di citare anche semplici accessori come i portamonete, i portachiavi, i portadocumenti, i portafogli pochette, i portalettere, e così via: tutti elementi impreziositi dalla scelta di un materiale speciale. Ancora, la pelle può essere usata per le valigie, per i rivestimenti dei veicoli e per quelli dei divani.

Le implicazioni etiche

È evidente che quando si parla di pelle e cuoio non si può fare a meno di tenere conto delle implicazioni etiche che il loro utilizzo comporta. Stiamo parlando, infatti, di materiali che si ottengono solo con l’uccisione di animali: si stima che ogni anno oltre 500 milioni di pelli di ovino vengano conciate, e a queste si devono aggiungere oltre 300 milioni di pelle di bovino. Ecco perché molti tendono a scegliere la pelle sintetica, tuttavia va sottolineato che ormai il 90% della pelle utilizzata è un sottoprodotto dell’industria alimentare. Chiaramente è da condannare, invece, l’utilizzo della pelle di specie protette e animali che vengono cacciati e uccisi solo per questi scopi.

La marcatura della pelle e del cuoio

Una lavorazione finale a cui vengono sottoposti i prodotti in pelle e cuoio è quella della marcatura industriale. Si tratta di un tipo di intervento che contribuisce a rendere gli articoli in questione ancora più esclusivi, per esempio con l’aggiunta di una frase o di un’immagine personalizzata. I sistemi di marcatura tra cui è possibile scegliere sono molteplici: i principali sono quello a caldo, quello a battuta e quello a laser. È proprio la marcatura laser, comunque, quella che viene privilegiata nella maggior parte dei casi: le marcatrici industriali che garantiscono questo tipo di lavorazione, proposte per esempio da un’azienda come Automator International, permettono di incrementare il valore dei prodotti con un’incisione ad hoc, che assicura un effetto goffrato e un piacevole contrasto.

La marcatura laser sulla pelle e sul cuoio

In base al tipo di personalizzazione richiesta, si ottengono risultati differenti che, in ogni caso, variano anche in funzione dei parametri che vengono impostati dal punto di vista della frequenza, della potenza e della velocità. Il contrasto è più evidente nel caso in cui si intervenga su materiali di colore più scuro, mentre si nota meno con pelli chiare. È possibile modellare al laser anche le pelli con pelliccia e pelo: si tratta di una tecnica a cui in genere si ricorre per la pelle di vacchetta, vale a dire un particolare tipo di cuoio che viene ricavato per mezzo della tecnica della concia al vegetale. È davvero lungo l’elenco di prodotti che possono essere marcati al laser: non solo capi di abbigliamento in pelle, ma anche accessori di moda come le scarpe, le cinture, le cinghie e le borse, senza dimenticare le valigette, i portafogli e i prodotti artigianali in generale. Si ottengono risultati ottimali sia sulla pelle vera che su quella sintetica, come pure sulla pelle scamosciata. Il laser permette di realizzare disegni anche complessi e garantisce un processo pulito. Ulteriori vantaggi riguardano la velocità e la precisione delle lavorazioni.

Written by claudiodibona

Servizio professionale di trasporto auto: cos’è e come funziona

Due anni senza Kobe Bryant. Vanessa, sua moglie confessa: «Il dolore è tanto»