I tavoli in legno: praticità e attenzione al design

Lunghi e slanciati, rotondi e massicci, i tavoli di legno sono un complemento d’arredo interessante per esprimere lo stile e l’anima di una casa o uno spazio outdoor. Che siano tavoli allungabili o non, questi oggetti oltre alla loro chiara funzione rispecchiano un luogo armonizzandosi al resto dell’arredamento. Sono diversi gli stili che possono esprimere questi complementi: dalle linee pulite e minimal dell’industrial ai ghirigori dello shabby fino al sempreverde classico.

Va premesso che i tavoli in legno possono avere solo una parte realizzata in questo materiale oppure possono essere completamente in legno. I materiali possono essere svariati, dall’acero al rovere, dal noce al ciliegio, e la lavorazione può essere grezza o laccata. Si parla spesso di legno massello, che è la parte del legno più interna mentre da quella esterna, la corteccia, si realizza l’impiallacciatura. Scopriamo a questo punto i vari tipi di tavoli dal punto di vista del design, che va a integrarsi allo stile del proprio ambiente, e i pro di avere un tavolo di legno.

I vantaggi dei tavoli in legno

I tavoli in legno, che siano rettangolari, quadrati o rotondi, presentano tanti pro per valorizzare il proprio ambiente.

  • Si adattano a tanti stili, da quello moderno, essenziale, minimal, scandinavo, a quello più classico, dall’industrial ai vezzi barocchi e rococò;
  • Sono sempre eleganti, il legno si armonizza bene con l’ambiente circostante e non stona;
  • Si abbinano bene anche con l’alta tecnologia;
  • Riscaldano l’ambiente ma sanno integrarsi anche a quelli più freddi e rigorosi;
  • Il legno è un materiale che con i suoi colori e le sue lavorazioni si rivela anche trasformista;

Tipologie di design

Come già anticipato, il legno può adattarsi a diversi ambienti grazie alle molteplici lavorazioni e finiture.

  • Stile classico: è lo stile che meglio rappresenta l’utilizzo del legno come elemento che scalda l’ambiente, dà un tocco chic ed elegante e si adatta agli arredi sia sul versante minimal che su quello più barocco. Dai grandi tavoli da pranzo rotondi e lavorati con intagliature e forme particolari ai mini-tavolini rettangolari decorativi per la zona living, il legno si adatta sempre bene allo stile classico;
  • Stile industrial: insieme al ferro, il legno è uno dei materiali più utilizzati per questo stile. I tavoli sono realizzati in una combinazione tra ferro e legno, e in particolare prediligono forme rettangolari, che replicano la struttura architettonica dell’industrial;
  • Stile scandinavo: quadrato, rettangolare, rotondo, qualunque sia la forma il legno si adatta molto bene alle esigenze estetiche dello stile scandinavo, con pochi orpelli, linee slanciate e pulite, geometrie affilate;
  • Stile shabby chic: il legno lavorato (ad esempio il mogano) si integra bene anche ad ambienti in stile shabby, soprattutto nei colori bianco e marroncino;
  • Stile etnico: grandi tavoli di colori scuri in legno di teak, bambu, palissandro, acacia, per integrarsi con gli altri complementi d’arredo.

I tavoli di legno allungabili possono modellarsi su diversi stili e assumere varie dimensioni, per rispondere a un’esigenza pratico-funzionale. Sono realizzabili anche su misura per adattarsi perfettamente alla sala da pranzo. Uno dei modi più semplici per allungare un tavolo di legno è far scorrere due piani, oppure con il meccanismo del sistema a rinvio con cremagliera oppure ancora con l’apertura a libro.

Written by claudiodibona

Roberto Cavalli rilancia la casa di moda aprendo un ultra-lusso da 545 milioni di dollari a Dubai

Quali sono gli animali più costosi al mondo? La BBC stila una classifica