Arredare con la luce: i consigli degli interior designer

La luce è fondamentale all’interno di qualsiasi abitazione e anche se spesso e volentieri viene sottovalutata, gli interior designer prestano particolare attenzione a questo dettaglio, consapevoli di quanto possa fare la differenza. Quando abbiamo a che fare con la scelta delle lampade e dei vari punti luce per la casa dunque conviene sempre tenere in considerazione alcune regole fondamentali.

Non è affatto semplice arredare con la luce, perché i fattori da valutare sono parecchi e si rischia spesso di sbagliare. Se però seguirete i nostri consigli potrete evitare di commettere gli errori più comuni, che rischiano di compromettere la resa di un intero ambiente.

Scegliere i lampadari a LED

Al giorno d’oggi in molti scelgono dei lampadari a LED e si tratta senz’altro di un’ottima idea, perché offrono numerosi vantaggi sia in termini di risparmio energetico che di resa estetica. Optando per il LED inoltre è possibile scegliere la tipologia di luce (calda o fredda) ma anche l’intensità luminosa, che è spesso regolabile nei modelli di lampadari più evoluti. Si tratta dunque di una soluzione versatile, ecologica ed economica, che ormai sta prendendo piede ovunque.

Non esagerare con i punti luce

Un errore che commettono in molti al giorno d’oggi è quello di esagerare con i punti luce e collocare troppe fonti d’illuminazione in una sola stanza. Generalmente questo avviene nel soggiorno, dove si tendono ad inserire moltissimi faretti, lampadari e via dicendo. L’effetto finale rischia di creare confusione e annullare quell’interessante gioco di luci ed ombre che in una casa è fondamentale perché crea la giusta atmosfera.

Scegliere luci regolabili in intensità

Un’ottima soluzione che si può adottare praticamente in tutte le stanze della casa è quella di scegliere delle lampade LED dimmerabili, ossia regolabili in intensità. Così facendo, si può scegliere quanto illuminare la stanza a seconda del momento della giornata o delle proprie esigenze. Si tratta di una soluzione ottimale, anche perché consente di risparmiare energia.

Attenzione alle luci troppo fredde

Negli ambienti casalinghi sarebbe sempre meglio evitare le luci troppo fredde, perché ricordano l’ufficio e non creano un’atmosfera accogliente. Conviene optare al contrario per colori caldi, che rendano tutto l’ambiente più intimo e raccolto.

I punti luce strategici per arredare

Siamo abituati a concepire lampadari e varie fonti luminose in base alla loro funzione, che appunto è quella di illuminare. Al giorno d’oggi però va molto di moda (e gli interior designer lo confermano a gran voce) collocare dei punti luce strategici, che illuminano solo un’area di piccole dimensioni. In questo caso la loro non è la classica funzione ma piuttosto quella di mettere in evidenza un dettaglio d’arredo che può essere per esempio una nicchia nel muro, un quadro e via dicendo.

Luce e domotica: uno sguardo al futuro

Se siete appassionati di tecnologia, potete integrare le luci nell’impianto di domotica in modo da poterle gestire direttamente con le varie applicazioni o addirittura con la vice, grazie agli assistenti vocali di ultima generazione. In futuro tutte le case saranno così, ma per il momento c’è ancora chi preferisce rimanere sul classico.

Avatar

Written by Redazione

Fedez scherza con la moglie: «Per Leo voglio la prova del DNA»

Chiara Ferragni incinta? L’imprenditrice digitale e Fedez sarebbero in attesa del secondo figlio