Città di fango, villaggi fortificati, atmosfere magiche in Yemen

L’itinerario di Toa che porta nella Valle dell’Incenso, tra dune, oasi ed aspre montagne

Lo Yemen è una meta non molto frequentata ma ricca di bellezza e di attrattive: dalla capitale Sana’a, con la magia dei suoi palazzi, a Shibam con i grattacieli di fango, al porticciolo di Mukalla, affollato dai caicchi, fino ai villaggi fortificati aggrappati alla montagna, come Kawkaban. L’ospitalità dei suoi abitanti accompagna i viaggiatori lungo un percorso che tocca località antiche, di bellezza incredibile, celate dal deserto e preservate dal tempo: è l’itinerario di TOA – Tour Operator Associati.

Si parte da Sana’a, una delle città più antiche del mondo, che conserva l’aspetto di un borgo medioevale dalle mura di fango. Dalle costruzioni in pietra e mattoni caratterizzate da finestre arabescate e decorate da stucchi bianchi, con vetri colorati o di antico alabastro traspare una luce magica. Imperdibile la visita al grandissimo suq, il mercato, dedalo di viuzze suddivise per prodotti e mestieri.

Si passa, poi, per Marib per iniziare la traversata del deserto, accompagnati da una guida esperta, tra dune di sabbia dorata. Numerosi sono i villaggi fortificati aggrappati alla montagna, ognuno con il suo stile architettonico, così come le antiche città di argilla e fango nei cui vicoli, stretti e scoscesi, si aprono misteriose porticine intagliate. Si attraversa, quindi, la Valle dell’Hadramawt, zona fertile chiusa tra alte falesie e punteggiata dai “cappelli da strega” delle donne, e la Valle Wadi Doan tra oasi di palme di datteri, aspre montagne, tra canyon, villaggi immersi nel verde, con case ricoperte da sottile intonaco bianco e pitturate con dolci colori e disegni naif.

L’itinerario prevede anche una visita a Jiblah, che è certamente la città più bella dello Yemen, dopo Sana’a. Questa cittadina, con le sue moschee e i minareti di cotto colorato, è incastonata tra le montagne ed è l’antica residenza della Regina Arwa. L’alternarsi di natura e architettura è una delle caratteristiche di questo paese, le cui montagne sono state faticosamente terrazzate per essere coltivate a caffé e qat.

Questo è il caso anche della Valle Wadi Dhahr, ricca di piccoli villaggi e frutteti circondati da muretti di argilla. Qui si trova Dar al Hajar, il “Palazzo sulla Roccia”, situato in cima a una formazione rocciosa, che rappresenta sicuramente la massima espressione dell’architettura yemenita.

Toa – Tour Operator e associati
Tel. 06 90160016
toa[email protected]

www.toassociati.com

Avatar

Written by Redazione

Nature Wellness Resort Pineta Hotels diventa Ecolabel

Abitare il porto e vivere il mare: ecco il nuovo Porto Turistico di Jesolo