Vyrus, una moto da scoprire

La due ruote esclusiva? E’ made in Italy

Quando David Rodorigo, anima di Vyrus Divisione Motori, racconta che nella sua azienda lavorano tre persone la gente stenta a crederlo. Eppure è così. Una realtà simbolo di quello che l’ingegno, la creatività e la tecnica made in Italy sanno produrre si regge su tre persone tre, su sei spalle in grado di sfornare un prodotto al top per prestazioni, tecnologia, estetica. Una moto che David definisce “permissiva, che tutti possono guidare“, ma che proprio per tutti non è. Ecco perché.

Qual è la filosofia di Vyrus?
Vyrus è nata con lo scopo di mostrare al mondo e a noi stessi cosa eravamo in grado di fare sul mercato. Siamo nati un po’ per gioco, abbiamo deciso di mettere insieme in un prodotto stradale tutte le tecnologie che la gente ha sempre sognato di avere nella propria moto. Abbiamo fatto in modo che ciascuno si possa creare la moto a propria immagine e somiglianza, secondo i suoi desideri.

La vostra è una realtà industriale piccola…
In azienda siamo in tre, io mio padre e Giuseppe. Io mi occupo della prototipazione e delle lavorazioni meccaniche, mio padre dell’amministrazione globale dell’azienda e Giuseppe cura il montaggio. Da poco tempo io mi dedico anche al marketing e alla comunicazione.

Quindi i vostri volumi non sono elevati…
Nel 2008 abbiamo prodotto una ventina di moto.

Tra Italia ed estero, dove guardate principalmente?
In Italia pensiamo di poter offrire ancora molto, così come crediamo che il mercato italiano possa offrire ancora tanto a noi. Stiamo però iniziando a puntare molto verso gli Usa e ci siamo espansi molto anche in Giappone.

Andate a predicare in casa dei giapponesi?
I giapponesi sono molto portati per le moto italiane, nello specifico amano molto il motore Ducati e questo ci ha aiutato; poi loro sono molto tecnici, non guardano solo all’estetica come noi italiani, sono degli intenditori e ci fa piacere che apprezzino le nostre moto.

Orgogliosi di portare il made in Italy all’estero?
È la nostra arma.

… e il carbonio è il vostro “verbo”…
La nostra è l’unica moto al mondo omologata con l’intera carrozzeria in carbonio, compreso il serbatoio; abbiamo a disposizione, come optional, freni a disco in carbonio, cerchi in carbonio e tubi dei freni in carbonio. Tutto creato in autoclave, la stessa tecnologia che è usata in Formula 1.

Che motori montate?
Utilizziamo motori Ducati. Abbiamo due motorizzazioni: o il 985 4 valvole, motore racing 999 testa stretta da 154 cavalli, oppure il 1100 ds twin spark, che Ducati monta sulla Multistrada; noi lo rivisitiamo un poco a livello tecnico e molto a livello di elettronica e lo montiamo sulle nostre moto.

Prestazioni e prezzi.
Il 4 valvole pesa 152 kg per 154 cavalli, velocità… non dichiarata. Il 2 valvole è da 110 cavalli per 148 kg. Il prezzo base è di 36750 euro per il 2 valvole fino ai 57-58mila del 4 valvole, dipende poi dall’allestimento. Diciamo che il prezzo base non è la nostra prerogativa, perché chi compra questa moto si fa un regalo nel tempo; la compra con poco, poi man mano la personalizza sempre di più. Tutte le nostre creazioni sono personalizzabili “in corsa”. Essendo una realtà così piccola siamo pronti a esaudire ogni desiderio del cliente, facciamo anche assistenza a domicilio e abbiamo una garanzia estesa a 3 anni.

Quanto conta internet nella vostra strategia commerciale?
Non avendo punti vendita ed essendo noi i maggiori distributori, per noi internet è essenziale. La maggior parte delle nostre vendite è avvenuta o per amicizia oppure online.

Davide Passoni

English version

Written by Francesca

Biennale Arte 2009, naturalmente a Venezia

Dino De Laurentis premiato da Scatola del Tempo