Violino Titanic, all’asta per 1 milione

Venduto a un collezionista britannico

Si prevedeva che sarebbe stato venduto a circa 235mila euro, ma in realtà è stato battuto alla cifra record di oltre un milione di euro.

Sabato scorso a Londra è andato all’asta il violino in palissandro suonato dal direttore d’orchestra del Titanic poco prima del naugragio, nella notte tra il 14 e il 15 aprile 1912.

Per riuscire ad identificarlo, con l’aiuto degli esperti, alla casa d’aste Henry Aldridge & Son ci sono voluti sette anni.

Il violino trovato in una soffitta nel 2006, è considerato il pezzo “più raro ed iconico” tra i cimeli del transatlantico e per questo ha attirato l’attenzione di molti appassionati.

Stando a quanto dichiarato dalla casa d’aste, ad aggiudicarselo un collezionista britannico senza nome, con un’offerta telefonica, che molto probabilmente lo metterà in mostra.

Fabbricato in Germania intorno al 1880, il cimelio miracolosamente sopravvissuto alla tragedia, è stato ritrovato con segni di restauro, grandi crepe e soltanto due corde.

Il violino, che apparteneva al maestro Wallace Hartley, capo della piccolo ensemble strumentale del Titanic, è stato trovato in una valigia di cuoio vicino corpo senza vita del suo proprietario.

Si trattava di un regalo della fidanzata, Maria Robinson, come ricorda una piccola targa in argento sulla quale si può ancora leggere: “Per Wally, in occasione del nostro fidanzamento. Maria”.  Nel 1910 venne comprato per circa 40 sterline, l’equivalente di 3000 euro attuali.

Il violino, poi, fu consegnato alla fidanzata del musicista, che non si sposò mai; dopo la sua morte nel 1939 andò alla sorella e infine, con vari passaggi di mano, finì in un’anonima casa del Lancashire nel nordovest dell’Inghilterra.

Il violino di Wallace Hartley, capo della piccolo ensemble strumentale del Titanic

Avatar

Written by Monica

Louis Vuitton e lo shopping on-line

Jonathan Saunders primavera estate 2014