Luxgallery > Fashion > Come vestirsi per farsi fotografare alla Milano Fashion Week: una guida pratica

Come vestirsi per farsi fotografare alla Milano Fashion Week: una guida pratica

La Milano Fashion Week è una vera istituzione per gli “addetti ai lavori” del mondo del fashion e anche per gli appassionati che invece non rientrano nella cerchia dei professionisti accreditati. L’occasione è propizia e di grande ispirazione soprattutto per i fotografi che organizzano le rispettive agende in vista del clamoroso evento: il portfolio ringrazia e viene rimpolpato. Perché tutta questa fatica? Perché le riviste pagano molto bene le fotografie rubate a celebrity, testimonial e personaggi che sanno attirare su di sé l’attenzione grazie ad un outfit estroso. Nel caso ci trovassimo in prossimità di Milano o nel caso volessimo organizzare un sopralluogo appositamente dobbiamo sapere che esistono leggi e convenzioni ben precise per il dress code e, se rispettate, magari potremmo essere immortalate accanto a qualche celebrity di passaggio.

View this post on Instagram

Señorita. #Cartagena

A post shared by Giorgia Tordini (@giorgiatordini) on

Accanto alle passerelle delle maison più famose da qualche anno la settimana della moda milanese risente dell’influenza del cosiddetto Street Style. In buona sostanza, influencer e blogger pubblicano sui rispettivi profili social gli outfit indossati durante i giorni modaioli e finiscono così per fare tendenza (alias trend setter). Noi possiamo trarre spunto da loro, questo è certo, tuttavia sappiate che riuscire a farsi fotografare in qualità di “personaggio meritevole di nota” è davvero difficile.

View this post on Instagram

🐍🐍🐍

A post shared by Chiara Capitani (@chiaracapitani) on

L’arena per i veri appassionati è il marciapiede davanti all’ingresso delle sfilate, come i veri duri dovrete ripetervi in testa “la mia scuola è la strada”, ma con un pizzico di estro e creatività potreste essere immortalati e di colpo i vostri follower potrebbero schizzare letteralmente alle stelle: chissà, il prossimo anno potreste sedere in front row a qualche sfilata. Vi ritroverete a passeggiare in mezzo ad una folla eclettica e vi potreste stupire osservando come alcune persone tentino di abbinare capi d’abbigliamento improbabili per creare (a loro sentimento) capolavori di stile. L’importante è crederci ed essere fotografati! Quindi tutto è lecito purché vi sentiate a vostro agio: al rogo l’eclettismo goffo.

Come creare un look da vera street styler: qualche consiglio pratico

Bene, tutto splendido e romantico ma nella pratica come facciamo? Un po’ di ricerca sul punto non guasta, soprattutto perché il mondo della moda è in continua evoluzione, perciò, oltre a seguire i profili Instagram delle influencer è opportuno tenere a mente alcune regole generali. Dal momento che sembrare fuori luogo in mezzo ai big del fashion internazionale è un gioco da ragazzi, giochiamo d’astuzia: alla Milano Fashion Week hanno una corsia preferenziale giornalisti, blogger e buyer e avere gli accrediti per entrare ad una sfilata non è semplice se non si hanno conoscenze e budget giusti. Il trucchetto, quindi, potrebbe essere quello di agghindarsi come una vera fashion editor e appostarsi dignitosamente davanti agli ingressi delle sfilate per fare fashion watching. I consigli sono “pochi ma buoni” e se rispettati aumenteranno la probabilità di essere notate.

Per avere un vademecum affidabile sul “how to dress vi consiglio di sbirciare l’articolo di Martina D’Amelio, giornalista di moda: l’articolo è divertente e molto utile, ha aiutato anche me a fare chiarezza nell’oscuro mondo dello street style, mostrandomi la luce. Ultimo potenziale consiglio: tenere d’occhio il sito Stylight, un efficiente motore di ricerca per scovare capi delle migliori marche provenienti da tutto il mondo (e dove si nasconde la saggezza di Martina): potrebbe essere un modo pratico per rimediare al panico da “cosa mi metto”, magari proprio prima della Fashion Week. Check it, male non farà.