Versace dice addio alle pellicce, Donatella: “Ne ho abbastanza, non voglio uccidere animali”

Versace è un marchio dinamico e in costante evoluzione, e il suo Direttore Artistico, Donatella Versace, guarda al futuro in termini di company responsibility nei confronti delle persone e del pianeta. “Pellicce? Ne ho abbastanza. Non voglio uccidere animali per fare moda.” ha dichiarato Donatella Versace.

Questa decisione è parte di un progetto più ampio incentrato sulle iniziative di sostenibilità di Versace, volte ad un approccio più consapevole e attento all’ambiente.

Il primo risultato di questo processo è stato l’apertura di una nuova boutique a Londra, in Sloane Street, la prima ad avere la certificazione LEED, e alla quale seguiranno le aperture delle nuove boutique di Miami e Monaco nei prossimi mesi del 2018. La sostenibilità è al centro del percorso futuro del marchio. Versace monitora costantemente tutti gli aspetti del suo modello di business per soddisfare i clienti in modo innovativo e responsabile. Ciò include prestare attenzione alla provenienza e alle condizioni di produzione di tutti i suoi prodotti, per assicurare la conformità ai più alti standard.

“I prodotti in pelliccia rappresentano solo una parte minoritaria dell’offerta di Versace. Questa decisione è un tassello di un più ampio programma di innovazione sostenibile per Versace, che include non solo un forte impegno a collaborare con tutta la nostra filiera, ma anche un profondo cambiamento culturale del quale beneficeranno tutti i dipendenti.” ha Jonathan Akeroyd, CEO di Versace.

Versace è orgogliosa di intraprendere questa iniziativa etica, nella speranza di promuovere l’innovazione e una maggiore sensibilizzazione e ha già dichiarato che non includerà pellicce nelle sue produzioni a partire dal 2019.

Avatar

Written by Antonio

Zara a Roma: il restyling di Palazzo Bocconi per lo store di via del Corso (FOTO)

Gualtiero Marchesi “The Great Italian” film, lunedì 19 marzo anteprima a Milano