Vento in poppa per Miss Blumarine

Intervista a Franco FerrariA dispetto della crisi imperante il mondo bambino tiene le posizioni, anzi sembra l’unico settore che faccia registrare segni positivi davanti ai bilanci delle aziende. Per questo motivo sempre più stilisti e marchi della moda adulto decidono di puntare al segmento infanzia.

Ci sono invece griffe che sul mondo teen hanno scommesso da tempo un esempio è Blumarine che, già dal 1996, ha stretto un accordo con Spazio Sei per la creazione della linea Miss Blumarine. E l’esperienza accumulata negli anni si ritrova nei capi.

Infatti la collezione Miss Blumarine per la prossima primavera-estate 2010 è bella, pulita, rigorosa lontana dal lolitismo imperante che caratterizza ultimamente le proposte dedicate alla bambina. La linea degli abitini richiama subito alla memoria un’accuratezza fatta di attenzione dei particolari come le inserzioni in sangallo o gli intarsi a punto smock.

Signora Molinari è soddisfatta della bambina Blumarine?
Amo molto la collezione Miss Blumarine perché enfatizza le caratteristiche di femminilità e romanticismo che contraddistinguono Blumarine. Ogni bambina può sentirsi una piccola principessa, in un mondo fatto di bellezza, di tenerezza, di cristalli luminosi e colori tenui. L’amore per il bello, l’attenzione ai dettagli preziosi, un tocco di ironia e di allegro divertimento…ed ecco Miss Blumarine.

Per sapere quali sono i piani futuri della griffe nel mondo bambina abbiamo sentito Franco Ferrari, CEO di Spazio Sei.

Signor Ferrari ci conferma che il mondo teen è il meno toccato da questa crisi?
Io posso portarle l’esperienza del mio gruppo e posso dire che sembra che la crisi non abbia toccato le consociate. Infatti se Spazio Blu ha chiuso il 2008 a 32milioni di euro (+20% rispetto al 2007), Spazio Sei (che produce il marchio in licenza Ice ice Iceberg oltre ai proprietari Parrot, Ki6? e Lu-mà) si è attestato a 45milioni di euro (+7% sull’anno precedente). Per il 2009 contiamo di mantenere le nostre quote. Infatti la mission dell’anno è riorganizzare e ristrutturare l’azienda dopo un periodo di crescita massiccia.

In cosa consiste la riorganizzazione?
In questi giorni è stato nominato Moreno Patalacci alla carica di direttore generale del gruppo Spazio Sei. Con l’entrata nella compagine aziendale di Patalacci vogliamo organizzare il rilancio del brand dopo questo biennio di crisi dell’intero mercato. Inoltre rivedremo anche le politiche di distribuzione, in particolare all’estero. Dobbiamo riprodurre e riconfermare il mercato russo, arabo e del Far East. Sul fronte dei flagship la nuova boutique Miss Blumarine di via della Spiga a Milano farà da concept per le future aperture di monomarca nelle piazze internazionali.

Alessandra Iannello

Avatar

Written by Francesca

Una residenza patrizia nel cuore di Roma

La bellezza dell’arte e lo charme dei preziosi