Venezia 2013, pre-apertura con Francesco Rosi

E al capolavoro “Le mani sulla città”

L’anno scorso ha ritirato il prestigioso Leone d’oro alla carriera, quest’anno invece avrà l’onore di inaugurare officiosamente il Festival del Cinema di Venezia, quest’anno in programma dal 28 agosto al 7 settembre.

“Le mani sulla città” di Francesco Rosi, sarà il film della tradizionale serata di pre-apertura della prestigiosa manifestazione giunta alla sua 70esima edizione diretta da Alberto Barbera e organizzata dalla Biennale di Venezia presieduta da Paolo Baratta.

Il 27 agosto, nel centro storico della città, in Campo S. Polo, sarà proiettato il capolavoro di Rosi, vincitore del Leone d’oro 50 anni fa, in un restauro digitale a cura della Cineteca Nazionale di Roma, effettuato per l’occasione e presentato in prima mondiale.

“Le mani sulla città” è un’opera fondamentale della storia del cinema italiano, un film-denuncia che racconta l’intreccio tra politica e poteri economici in una Napoli devastata dalla speculazione edilizia.
Una magistrale interpretazione di Rod Steiger, un affresco di grande potenza visiva, con una memorabile fotografia in bianco e nero di Gianni Di Venanzo, le cui sfumature saranno di nuovo apprezzabili su grande schermo.

Il regista napoletano 91enne è considerato un autore simbolo del cinema italiano impegnato, grazie ad alcuni suoi capolavori come “Le mani sulla citta”, Leone d’oro a Venezia nel 1963, “Il caso Mattei”, Palma d’oro a Cannes nel 1972, e “Salvatore Giuliano”, Orso d’argento a Berlino nel 1961.

Con la sua tecnica semidocumentaristica, Rosi si preoccupa di esporre i fatti con rigore e di mettere continuamente a confronto idee e posizioni politiche, senza per questo rinunciare al proprio inequivocabile giudizio.

L’anno scorso, sempre al Festival di Venezia,  è stato proiettato il suo film del 1972, “Il caso Mattei”, restaurato dalla Film Foundation di Martin Scorsese con il sostegno di Gucci.

Francesco Rosi Leone d’oro alla carriera 2012

Avatar

Written by Monica

Milano Moda Uomo, Dolce&Gabbana

Il menù di Ferragosto 2013