Vacanze in montagna

Alla scoperta della Valle d’Aosta Negli ultimi anni le vacanze in montagna riscuotono sempre maggiore interesse verso quella porzione di mercato che desidera associare alla propria idea di estate il relax di un ambiente sano e i luoghi votati alla cultura. Perché dunque non optare per la Valle d’Aosta la prossima estate 2009?

Abbiamo selezionato gli eventi, le curiosità, il luoghi da “gustare”, tra natura, storia e bien vivre.

Nel capoluogo  con il naso in su:
Aosta merita una tappa approfondita.
Leggenda vuole che sia stata fondata nel 1158 a.C. da Cordelo, capostipite dei Salassi, discendente di Saturno e compagno di spedizione di Ercole (ma le uniche testimonianze archeologiche a questo proposito sono una necropoli, un’area di culto del III millennio e alcune tombe megalitiche). Il nome originario è Augusta Praetoria Salassorum, una città fortificata del 25 a.C. (castrum) lungo  la via Consolare che conduceva dalle Gallie a Roma. Numerose le vestigia dell’illustre impero in città: l’Arco di Augusto, la Porta Pretoria (accesso principale alla città romana), il Criptoportico forense (uno dei luoghi più suggestivi che un tempo delimitava in’area sacra), le Torri (dei Balivi, Tourneuve, del Lebbroso, di Bramafan, Tour Pailleron, Plouves, de Fromage), il Teatro Romano del I secolo e il suo anfiteatro attiguo, collocate lungo gli assi viari ortogonali romani. Proprio proseguendo oltre la Porta Decumana ecco una necropoli  extraurbana romana, e poi, sulla via Consolare delle Gallie, l’Arco di Donnas intagliato nella roccia (221 metri x4x4), il Ponte dell’acquedotto di Pondel (3 a.C.), e il magnifico Ponte di Pont Saint Martin, che con la sua arcata unica di 35 metri si dice sia un’opera del diavolo.

Luoghi da scoprire:
Oltre ad Aosta e alla sua elegante sovrapposizione di stili, in cui agli elementi architettonici romani si aggiungono elementi del XIX secolo, nella Comunità Montana Monte Cervino vi sono 12 bellissimi  comuni valdostani divisi fra Alta e Bassa Valle. Châtillon, Saint-Vincent, Chambave, Emarèse, Pontey, Saint-Denis, Verrayes, Antey-Saint-André, Chamois, La Magdeleine, Torgnon, Valtournenche offrono l’opportunità di godere di percorsi alla scoperta di profumi e sapori locali, antichi villaggi in pietra e paesaggi incontaminati. Numerosi i modi in cui “esplorarli”: a piedi o in mountain bike verso Emarese alla scoperta di Rascard e delle tracce romane; una passeggiata fra i castelli in bassa valle (Châtillon, Pontey, Chambave, Verrayes, Saint-Denis),  il trekking a Valtournenche o il golf a  Breuil-Cervinia. Da non perdere il Castello Savoia di Gressoney-Sain Jean le cui boiseries, decorazioni e cimeli attestano l’amore della Regina Margherita di Savoia, sposa di Umberto I, per questa regione.

Eventi nell’estate valdostana:
Apre la prima edizione di Musicastelle, la rassegna di concerti e spettacoli nel Parco del Castello di Fénis, al Forte di Bard e al Castello Reale di Sarre, dal 14 Luglio al 6 Agosto 2009. Tra gli ospiti di calibro internazionale che calcheranno questo inedito palco anche Ennio Morricone (16 Luglio ore 21.30) e Roberto Bolle (il suo gran Gala di danza  è previsto per il 27 Luglio alle 21.30).

Benessere e hospitality ai piedi del Monte Bianco:
Dopo una intensa  giornata alla scoperta dei luoghi più suggestivi, la Valle d’Aosta vanta spa e strutture wellness di gran lusso. Tra le più note, le Terme di Pré-Saint-Didier offrono Bagni di Cleopatra, i cinque riti tibetani, eau d’Ambre e tecniche meditative sorprendenti. Per l’abbinamento benessere-hotel, c’è l’Hermitage, cinque stelle del Gruppo Relais & Châteaux e mix di hospitality, buona cucina – questo è l’unico ristorante al mondo in cui si possono assaggiare gli gnocchi alle ortiche – e attività. Qui ci si può rilassare dedicandosi, ad esempio, al golf, alla pesca, all’equitazione, oppure nella spa della struttura con tanto di hammam e trattamenti La Prairie anche per Lui.

Valle d’Aosta in mostra:
Per gli appassionati d’arte, segnaliamo due appuntamenti in altrettanti luoghi  rappresentativi della cultura valdostana.
Fino al 1 novembre il Museo Archeologico Regionale di Aosta ospita “Le Arti a Firenze tra Gotico e Rinascimento”. Si tratta di un ricco percorso fra le sculture, le pitture e i manufatti che hanno segnato il passo tra il linguaggio del gotico internazionale e il maturo Rinascimento toscano. In mostra capolavori di Lorenzo Monaco, Masolino, Gentile da Fabriano, Gherardo Starnina, Giovanni dal Ponte con prestiti provenienti dai principali Musei afferenti al Polo museale fiorentino, tra cui la Galleria degli Uffizi, il Museo Nazionale del Bargello, la Galleria dell’Accademia.

Infine, dal 19 luglio al 23 agosto le Scuderie del Forte di Bard ospiteranno le personali di degli artisti Cristina Cancellara e Vito Mele, due percorsi paralleli sugli ideali dell’uomo che, nel primo caso, si traducono nella rielaborazione contemporanea dei soggetti tipici della tradizione valdostana.

www.regione.vda.it
www.montecervino.org
www.lovevda.it Tel. 0165 236627
www.takkapu.com/gressoneysaintjean…/castellosavoia.html
http://www.termedipre.it/
http://www.hotelhermitage.com/it/beauty/index.php
www.fortedibard.it

Avatar

Written by Francesca

Auto da collezione all’asta

50 Anni di Taittinger in Italia