Una Spa di legno e cristallo

Officine del benessere di Seregno

Se nelle prossime vacanze di Natale resterete in città potete rifugiarvi in un’oasi di relax dal sapore zen, il nuovo Centro Wellness Officine del Benessere di Seregno.

La Spa nasce dal progetto realizzato dallo studio Newarch Associati di Meda con la collaborazione della Vetreria Re. Elemento ricorrente il cristallo, abbinato ad elementi insoliti come il legno e la pietra.

Le Officine del Benessere nascono in un’ex capannone industriale, in uno spazio di 2.500 metri quadrati tra interno ed esterno. Su un piano unico, dove si trovano la palestra, l’area benessere con le piscine termali, e l’area beauty con il centro estetico, distribuita su due piani da 260 metri quadrati. Il cristallo si ritrova, declinato in diverse forme, in tutti gli ambienti del centro: dal cortile di ingresso, alla reception, al bancone del bar, alla zona SPA fino a quella beauty.

«L’idea alla base del progetto è stata quella di ricreare una situazione che non fosse sportiva, ma piuttosto un club con un’atmosfera raccolta – dice l’architetto Gigi Trezzi che insieme a Marco Seveso ha firmato il progetto -. Per riuscirci, abbiamo scelto di accostare il vetro al legno, ossia un materiale “freddo” che ben si presta a essere utilizzato insieme a uno “caldo”. Il vetro è un elemento duttile, che consente permeabilità visive, permettendo di vedere al di là e di allargare gli orizzonti. La visione può essere totale oppure parziale e può essere utilizzato anche un elemento decorativo».

All’ingresso delle Officine del Benessere un muro-guida di vetro acidato accompagna nel percorso pedonale all’interno della struttura. La struttura in acciaio che sostiene il muretto è quasi invisibile, e la sera viene illuminata con una luce che arriva dal basso creando un’atmosfera d’ambiente.

Alla reception si viene accolti da un bancone di vetro rosso con un motivo floreale, leit motive che si ripresenta in diverse situazioni.

Per il corridoio d’ingresso, che separa dall’area gym è stato scelto un vetro serigrafato come frame, che permette di intravedere le persone che fanno gli esercizi, entrando così nella vita della palestra senza tuttavia farle sentire in vetrina. La struttura è dotata anche di una piscina termale, che si articola sia all’interno che all’esterno della struttura. A collegarle un passaggio con lamelle di plastica, mentre una grande vetrata trasparente la divide dal cortile.

L’area termale comprende due vasche idromassaggio riscaldate, sia interne che esterne, con cascate d’acqua, bagno turco, sauna, calidarium, frigidarium, docce emozionali. È possibile abbinare l’ingresso alle terme a diversi tipi di massaggi o trattamenti personalizzati.

Avatar

Written by Redazione

Auto da collezione all’asta

Una sveglia da viaggio con sei facce