Tre o quattro giorni in…Sicilia

Profumi e sapori di Magna Grecia

Sono arrivati il caldo e il sole. Quale migliore scelta del bel mare di Sicilia per refrigerarsi in questo anticipo di estate?

Le spiagge di Fiumefreddo – a pochi passi dai Giardini di Naxos e dall’incantevole Taormina -, di Pozzallo, Pietre Nere, fino a Menfi, hanno ottenuto quest’anno la Bandiera Blu. Se vi siete persi l’annuale appuntamento con “Le Notti Blu”, in cui le tartarughe caretta caretta vengono liberate sulla spiaggia di Pietre Nere, potete comunque godervi una delle più belle coste d’Italia.

Un litorale straordinario, in cui i profumi e i sapori della Trinacria si diffondono nel paesaggio ora aspro, ora dolcemente illuminato dal caldo sole di maggio, per interrompersi nel riflesso di qualche tempio che sembra dimenticato lì, “appollaiato” su un’altura, a ricordare il passato illustre di questa terra.

Certamente uno dei maggiori vanti della Sicilia è il teatro. A Taormina, la stagione degli spettacoli è già attiva dal mese di aprile, riservando momenti intensi a chi trascorre all’aperto e in armonia queste sere di prima estate. Al Teatro Massimo Bellini, dal 22 al 28 maggio andrà in scena il balletto Summer of Love (Estate d’amore) con coreografie di Karole Armitage, musiche di Lukas, Ligeti, Burkina Electric (www.teatromassimobellini.it).

Chi desiderasse intrattenersi per una decina di giorni, in attesa della 55esima edizione del  “Taormina Film Fest in Sicilia” (dal 13 al 20 giugno) , può soggiornare presso il Grand Hotel San Pietro, Relais & Chateaux, cinque stelle lusso del Gruppo Gais Hotel e vero angolo di pace con il suo splendido giardino che culmina nella esclusiva terrazza panoramica sul mare (www.grandhotelsanpietro.net).

Ma anche Siracusa è una delle mete mozzafiato per gli amanti del teatro classico. Proprio lo scorso 9 maggio si è aperta la stagione di rappresentazioni al Teatro greco dalla cui cavea, al tramonto, gli spettatori si trovano abbracciati da uno spettacolo di natura, arte e storia (programma completo al sito dell’Istituto Nazionale Dramma Antico: www.indafondazione.org).

Passando per Modica, capitale del cioccolato di qualità e in cui recentemente si è rinnovata la kermesse “Cioccobarocco”, si attraversano alcune piccole località sul mare. Sono quelle ritratte dal celebre capolavoro di Giuseppe Tomasi di Lampedusa, “Il Gattopardo”. Di questi, il celebre feudo agrigentino noto come Donnafugata, oggi Palma di Montechiaro, vanta in quegli stessi luoghi l’importante omonima casa vinicola, fra le punte di diamante del gusto made in Italy.

Non sarà molto vicino, ma vale la pena effettuare una deviazione verso l’entroterra, alla scoperta della domus di Piazza Armerina (Enna). L’immensa della Villa del Casale, IV secolo d.C, è una delle testimonianze più suggestive del modus vivendi dei “Paperoni” romani, attestazione dell’arte, del gusto e delle abitudini dei nostri illustri antenati (http://www.villaromanadelcasale.it/).

Una sosta ad Agrigento con la sua straordinaria Valle dei Templi e il meraviglioso giardino della Kolymbetra posta sotto la protezione del FAI (http://www.fondoambiente.it/beni/giardino-della-kolymbetra-.asp), e via verso Mazara del Vallo, dove ad attendere i viaggiatori più esigenti c’è il Kempinski Hotel Giardino di Costanza.
Questo Olimpo dell’hotellerie di lusso è dotato di un superbo ristorante Dubbesi (con le prelibatezze mediterranee dello chef Salvatore Barbàra e la ricca cantina di etichette prestigiose) e di un ottimo Centro Benessere Nakhlah (uno spazio ampio di oltre 2.100mq). Per la sua elevata ospitalità, il Kempinski ha da poco meritato la segnalazione presso il portale Seven Stars and Stripes, il tour operator dedicato solo al top in fatto di ospitalità. Il Kempinski Hotel Giardino di Costanza è infatti uno dei vincitori del 2009 per il World Level Perfection, un esame dai criteri rigorosi in base a un concetto di lusso globale (www.sevenstarsandstripes.com).

Non a caso, proprio questa straordinaria struttura alberghiera è stata scelta per la presentazione, a inizio anno, della nuova Porsche Boxster S. In realtà, oltre all’immagine prestigiosa del Kempinski Hotel Giardino di Costanza, esiste un motivo specifico e speciale per questo legame Porsche-Sicilia: Porsche è infatti la casa automobilistica che ha ottenuto più vittorie in assoluto nella mitica Targa Florio.
Infatti, gli scenari spettacolari della costa occidentale fanno da sfondo alla prestigiosa competizione su quattro ruote Grand Tour Internazionale di Sicilia – Targa Florio.

Una kermesse per auto d’epoca che, in questo secondo anno, desidera sottolineare la bellezza e la cultura dell’isola attraverso lo slogan: “Cinquemila anni di storia in otto giorni“, dal 24 maggio al 1 giugno, da Palermo a Trapani, con ritorno per Agrigento, Cefalù e Cerda, alla scoperta del glorioso tracciato della Targa Florio. Collezionisti e appassionati di blasonati marchi potranno ammirare da vicino alcuni gioielli d’epoca che sfileranno come un colorato corteo su strade e tornanti fino a Erice, passando per le suggestive saline o il tempio greco di Segesta (Per il programma completo: http://www.grandtourdisicilia.it/)

Sfrecciando verso nord-est, immancabile una visita a Palermo e Monreale per poi partire alla volta delle Isole Eolie, in particolare del porticciolo di San Pietro dell’Isola di Panarea dove il ristorante Hycesia offre una soluzione per chi desidera gustare dell’ottimo pesce in totale esclusività.
Lo chef Gaetano in persona sarà lieto di preparare delle delizie di pesce da apprezzare comodamente anche a bordo della propria imbarcazione secondo quanto proposto da “lunch on the boat”. Senza rinunciare a un look a tema.

Ecco allora che in tour così dedicato la nuovissima handbag Miss Sicily di Dolce e Gabbana calza a pennello.
I due stilisti, siciliani Doc, hanno reso omaggio alla propria terra in questa primavera-estate 2009 con una Snakeskin a bauletto delicatissima nei dettagli e, naturalmente, in edizione limitata.

Tre o quattro giorni dedicati a un tour completo dell’isola, tesoro di profumi, sapori e tradizioni della nostra Bella Italia.

Taormina
Teatro Massimo Bellini: http://www.teatromassimobellini.it/
Grand Hotel San Pietro, Relais & Chateaux: http://www.grandhotelsanpietro.net/
Siracusa:
Istituto Nazionale Dramma Antico: www.indafondazione.org
Piazza Armerina (Enna):
Mosaici romani della Villa del Casale: http://www.villaromanadelcasale.it/
Agrigento:
Valle dei Templi: www.fondoambiente.it/beni/giardino-della-kolymbetra-.asp
Mazara del Vallo:
Kempinski Hotel Giardino di Costanza: www.kempinski-sicily.com; www.sevenstarsandstripes.com
Grand Tour Internazionale di Sicilia – Targa Florio: http://www.grandtourdisicilia.it/
Panarea (Isole Eolie):
Ristorante Hycesia: www.hycesia.it/it-risto.htm

English version

Written by Francesca

Colore e luce per Museum

Victor & Rolf, il lusso formato mignon