Travel Influencer: tutti i profili da seguire su Instagram

Non solo moda ma anche viaggi, i travel influencer ci indirizzano sulle mete più belle per le nostre vacanze

L’estate è alle porte ed è ora di pensare alle mete per le nostre vacanze. Se non ne avete idea non preoccupatevi, c’è una soluzione. Come sempre il mondo social è una fonte di notizie illimitate. Oggi grazie agli  Influencer, possiamo scoprire le nuove tendenze moda, ma anche le nuove tendenze viaggi. Per chi è eternamente indeciso ci sono i Travel Influencer personaggi che condividono scatti delle loro vacanze e che hanno milioni di followers.

View this post on Instagram

Sweet like honey 🍯 💛

A post shared by LAUREN BULLEN (@gypsea_lust) on

Lauren Bullen

Lauren Bullen è una Travel Influencer di origini australiane, sempre in giro per il mondo in compagnia del suo partner Jack Morris. Tra primi piani, selfie e foto di coppia il suo account registra oltre 2 milioni di seguaci e le permette di guadagnare qualcosa come 11.000 euro per ogni foto postata.

Méryl Denis

Méryl Denis è una Travel Influencer di origini francesi che immortala due tipi diversi di ambienti: da una parte l’avventura e dall’altra i resort extra-lusso.

View this post on Instagram

Couldn’t be any happier ♡ @fsborabora

A post shared by Méryl (@meryldenis) on

Trisa Taro

Trisa Taro è una Travel Influencer e fotografa che predilige luoghi estremamente soleggiati come ad esempio le isole greche.

Jacintha Verdegaal

Jacintha Verdegaal è una Travel Influencer con una passione per l’arte. Arte che cerca di riportare nelle sue foto, le quali somigliano a quadri di Jan Vermeer.

Travel influencer italiani

Tra i Travel Influcer Italiani da seguire troviamo:

Chiara Cecilia Santamaria originaria di Roma, ma vive a Londra dal 2012, sul suo profilo Instagram con 75.4k followers si osserva una scelta delle foto accurata e coerente con un alto tasso di engagement.

View this post on Instagram

Parigi è stato il primo viaggio che ho fatto prendendo un aereo. Era il 1992, c’era l’Expo universale e avevano appena aperto Disneyland Paris, che si chiamava ancora Eurodisney. Io volevo incontrare Alice e invece ho fatto una foto con un Ewok di Guerre Stellari (boh). Mia madre si era raccomandata di non far mangiare le ostriche a mio padre terrorizzandomi con racconti dell’orrore e quando lui decise di mangiarle uguale io passai tutta la sera con l’ansia pensando che si sarebbe sentito male (grazie mamma). Ho ancora la card di Eurodisney e ancora ricordo il nome de ristorante delle ostriche, e chissà se esiste ancora: Le Grand Café Capucines. Anzi aspè: mentre scrivevo ho deciso di googlarlo e appena apro la gallery dopo le prime foto ecco i mega piattoni di ostriche. Bene. Da quel viaggio tornai con un portachiavi della Sirenetta di quelli in plastica morbida a rilievo, e una gomma da cancellare viola lunga e molla. Non conoscevo questo angolo bellissimo per fare le foto ma, seppur ci fossimo andati, mio papà avrebbe detto: “guardami e soRidi”. Questa foto invece é stata fatta da @matteopoddie e a lui posso tranquillamente dire “aspetta che mi arrampico sulla scala” mentre @familywelcome mi guarda la borsa :)) #Paris #Parigi #igersParis #TourEiffel

A post shared by Chiara Cecilia Santamaria (@machedavvero) on

Marko Morciano laureato in Marketing e Comunicazione di Impresa, ha una forte passione per la fotografia e Instagram, dove ha circa 98.2k iscritti. Amante dei paesaggi urbani.

Sara Izzi una giornalista, viaggiatrice e fotografa, ha lavorato per nomi celebri come El Pais e National Geographic. Ha fatto della sua passione un blog ”The Lost Avocado”, che le è valso il National Geographic Photography Award.

Avatar

Scritto da chiaradinunzio

Gucci Cruise 2020: il brand italiano sfila ai Musei Capitolini

Trend beauty 2019: a quali prodotti non possono rinunciare le donne italiane