Torna Lugano Festival

Dal 5 aprile al 7 giugno 2010Si aprirà il 5 aprile l’edizione 2010 di Lugano Festival, la kermesse musicale che porterà nel capoluogo ticinese alcuni tra gli artisti più entusiasmanti della scena internazionale.

Il Festival, come sempre, sarà articolato in due sezioni.

Nove gli appuntamenti della prima parte, che si terrà dal 5 aprile al 7 giugno, con grandi direttori e solisti quali Vladimir Ashkenazy, Mikhail Pletnev, Sol Gabetta, Semyon Bychkov, Alain Lombard, Vadim Gluzman, Heinz Holliger.  

Due le novità: un concerto gratuito e la presenza nel cartellone di Bobby McFerrin, che sa coniugare come pochi classicità e gusto swing, attraverso lo straordinario virtuosismo strumentale della sua voce.

Seguirà il Progetto Martha Argerich, dall’11 giugno al 1° luglio, giunto alla nona edizione: un evento che richiama a Lugano un pubblico proveniente da molti paesi europei, per partecipare a concerti che rappresentano anche un incontro tra culture, sensibilità, intelligenze diverse, attraverso la collaborazione fra artisti molto differenti tra loro.

Il Festival si apre nel segno dell’Unione Europea, con due gruppi giovani ad essa legati: la European Union Youth Orchestra diretta da Vladimir Ashkenazy e la Chamber Orchestra of Europe.

Tra le orchestre ospiti spiccano tre importanti realtà mitteleuropee: la WDR Sinfonieorchester Köln, gruppo sostenuto dalla Radiotelevisione tedesca, diretta dal russo Semyon Bychkov; la Kammerorchester Basel, guidata dall’inglese Paul McCreesh e la Südwestdeutsche Philharmonie Konstanz, protagonista del programma gratuito domenicale offerto alla popolazione dalla Città di Lugano e diretto da Helmuth Rilling.

L’Orchestra della Svizzera Italiana, troverà spazio nel cartellone con tre programmi e sarà diretta da Mikhail Pletnev, Alain Lombard e Heinz Holliger. Last but not least, gli Strumentisti della Scala di Milano affiancheranno la voce di Bobby McFerrin in un programma tutto da scoprire.

Grandi i direttori, e grandi i solisti invitati quest’anno, con una particolare attenzione per i giovani. Tre le star del violino, Lisa Batiashvili, Vadim Gluzman e Thomas Zehetmair; alla tastiera del pianoforte siederanno invece Grace Francis, Alexander Gavrylyuk e Oliver Schnyder. Ospiti anche la carismatica violoncellista Sol Gabetta e due figlie d’arte, Rahel e Sara Rilling (violinista e violista), dirette dal padre Helmuth.

La programmazione del Festival privilegia il grande repertorio classico-romantico, con interessanti sconfinamenti nella musica contemporanea, fino a Ligeti. Se a Mozart è dedicato un intero concerto, ampio spazio è dato anche a Robert Schumann, nel bicentenario dalla nascita.

www.luganofestival.ch

Written by Redazione

Quando l’uovo è da collezione

Il pianoforte gioiello di Laura De Nadai