Tod’s per il Colosseo

25 milioni di euro per il restauro del monumento

Sono state apposte nei giorni scorsi le firme necessarie a dare il via ai lavori di restauro del Colosseo, uno dei monumenti più famosi al mondo. Gli interventi prevedono restauro e consolidamento dei prospetti settentrionale e meridionale, di ambulacri e ipogei, degli impianti e di altre aree della struttura.

L’imprenditore Diego della Valle, per la Tod’s Spa, si è impegnato a versare 25 milioni di euro per gli otto ambiti di lavoro previsti dal Piano degli Interventi elaborato dal Commissario delegato per La realizzazione degli interventi urgenti nelle aree archeologiche di Roma e Ostia antica, l’arch. Roberto Cecchi, che ha controfirmato l’accordo insieme alla dottoressa Anna Maria Moretti, Soprintendente speciale per i beni archeologici di Roma.

Lo sponsor potrà, direttamente o tramite la costituzione di una fondazione senza fini di lucro denominata “Amici del Colosseo”, in esclusiva, promuovere e pubblicizzare, a livello nazionale e internazionale, i lavori di restauro del Colosseo, anche quale simbolo del patrimonio artistico italiano nel mondo. Lo sponsor, e la fondazione, intendono altresì rendere il Colosseo sempre più accessibile alle categorie dei giovani, dei diversamente abili, dei pensionati e dei lavoratori. A tal fine verrà realizzato, nelle immediate adiacenze del Colosseo, un apposito centro sia per accogliere in modo adeguato la stampa internazionale, sia per favorire l’accesso al monumento delle categorie che l’associazione intende tutelare.

Lo sponsor potrà utilizzare la dizione “Sponsor unico per i lavori di restauro del Colosseo in base al piano degli interventi” in abbinamento ai propri segni distintivi. Potrà anche utilizzare il materiale e la documentazione illustrativa dei lavori di restauro sia all’interno dei propri spazi, sia nel sito internet.

L’esclusiva concessa a Tod’s durerà per l’intera durata dei lavori di restauro e per i successivi due anni, mentre l’associazione avrà una durata di 15 anni.

Written by Redazione

A Montecarlo, “Love is in the Air”

I 500 anni di Giorgio Vasari