The Observatory, lussuoso ristorante a Dubai

È collocato al 52esimo piano del The Harbour Hotel & Residence e offre un’eccezionale vista sulla città 
Dopo a-z-u-r, The Harbour Hotel & Residence di Emirates nella Marina di Dubai ha inaugurato un nuovo ristorante. Si tratta di The Observatory, pensato per diventare un luogo ricercato e ambito dai turisti e non solo, offrendo piatti di alta qualità in un ambiente rilassante e di lusso.

Il locale è situato al cinquataduesimo piano dell’albergo e offre una favolosa vista sul The Palm e sulla Marina di Dubai.
Il menu è stato creato e progettato da uno chef di fama mondiale, l’Executive Sous Chef Jordi Servalls Bonilla, che ha unito diverse influenze culinarie europee con ingredienti nutrienti. Le portate sono caratterizzate da alimenti sempre freschi e di alta e ottima qualità.

Il menu del pranzo comprende diverse tipologie di pasta, piatti fatti in casa o a base di pesce. I clienti serali hanno la possibilità di scegliere anche tra Seared Scottish Scallops, un trio di anatra o qualcosa di più classico come coda di bue con un inusuale mix di sapori.

Presso il bar, gli ospiti possono assaggiare portate come i Mini Foie Gras Burgers, Baket Camembert e la tempura di pesce. Inoltre, ogni venerdì, il The Observatory offre un ricco brunch internazionale accompagnato da champagne.

“Quando ho ideato il menu, la mia intenzione era quella di crearne uno che fosse informale e completo, ma comunque accompagnato da un tocco di creatività, elemento molto importante. Essenzialmente, siamo in grado di creare diversi menu che si adattino ai diversi gusti dei clienti. Abbiamo lavorato a lungo per calibrare esattamente tutti gli ingredienti di cui abbiamo bisogno; per esempio abbiamo identificato 14 tipologie di fois gras prima di effettuare la scelta finale e abbiamo impiegato quasi un anno per selezionare e scegliere i nostri fornitori per garantire ai nostri ospiti la miglior qualità”,  ha commentato lo chef Servallas
Per gli intenditori di vini, una lista internazionale accompagna il menu ed è possibile degustare a calice una selezione di 24 etichette.

Written by Redazione

Rinascenza in mostra ad Arezzo

Lombatina di cervo