The Mercer: la storia

Filosofia di un brand nato dalla fantasia di Stefano e Edoardo Ambrosini e dalla loro passione per Soho, il quartiere a Sud di Houston Street a New York

Strade buie e deserte, vecchi magazzini abbandonati, edifici in ghisa bagnati dalla rugiada, l’aria e l’atmosfera chic metropolitana per eccellenza.
Questo è SoHo ed è qui che ha inizio la storia di The Mercer.

Pantaloni maschili di cotone dal taglio sartoriale interpretati e declinati dal savoir faire creativo di Steven e Edward Bros (Stefano e Edoardo Ambrosini) per esaudire le esigenze di un pubblico raffinato.

Un marchio capace di suscitare un’emozione fin dal nome, The Mercer, che letteralmente significa “commerciante di stoffe” e che fa del dettaglio e dell’unicità la sua anima propulsiva.

Un mondo evocato da persone, luoghi, musiche e immagini che racchiudono Soho, il quartiere della “circoscrizione” di Manhattan, South of Houston Street appunto, instancabile fucina di tendenze a 360°.
Un mood eclettico dove l’understatement sposa il lusso, e dove il vecchio si armonizza con il moderno in una sintesi perfetta tra la semplicità dello stile work americano e della raffinatezza dell’esperienza sartoriale.

The Mercer è un film di animazione, è una fotografia, è un libro-vetrina dalle pagine invecchiate ed è un gioco per The Gambler.
The Mercer è parole ed immagini.
The Mercer è una colonna sonora jazz e swing.
The Mercer è un cocktail da bere assaporando l’aria impregnata dall’odore dell’oceano ed un viaggio ad hoc per esplorare le vie e le strade, i palazzi e i magazzini che ne hanno fatto da sfondo alla nascita.

Entra anche tu a far parte della leggenda

www.themercersoho.com

Vuoi essere sempre informato su notizie di questo genere? Iscriviti alla LuxLetter

Avatar

Written by Francesca

dunhill arriva in Italia

Valentino, l’ultima sfilata prêt-à-porter