Tesla Model S

La macchina del futuro
E’ già incredibile quando la descrivi agli amici ma quando hai il privilegio di provarla come abbiamo fatto noi della redazione di Luxgallery, il sogno diventa proprio realtà.

Esternamente ha un design da grand coupè, elegante e filante, come anche le quattro ampie portiere e un vano posteriore molto spazioso, anzi due vani! Mi ero quasi dimenticato, il motore tradizionale non esiste su questa vettura, troviamo quindi uno spazio per le valige anche nella parte anteriore proprio sotto il cofano “motore”. Le sedute sono cinque più altri due posti supplementari per bambini con i sedili rivolti all’indietro.

Tesla Model S

Ma andiamo per ordine, perché si chiama Tesla?
Il suo nome è stato scelto in omaggio al geniale inventore serbo di fine ‘800 che aveva scoperto i principi della corrente alternata, Nikola Tesla. L’azienda quando è nata si è posizionata subito nella mitica Silicon Valley, perché Musk sapeva che per sviluppare un’automobile elettrica di nuova generazione servivano competenze diverse. La sua azienda quindi non l’ha riempita di meccanici tradizionali ma da ingegneri informatici che avevano come unica missione lo studio e lo sviluppo del vero motore di Tesla, le batterie e la loro durata.

Per sfatare gli scettici andiamo subito a parlare di prestazioni perché grazie all’avanzata motorizzazione elettrica, Tesla regala prestazioni assolutamente straordinarie. A differenza dei motori a combustione interna, con le loro centinaia di parti in movimento che emettono scintille, pompano e rombano, il motore Tesla ha un unico elemento che si muove, il rotore. Il risultato è un’accelerazione immediata, a presa diretta, come quando si preme l’interruttore della luce. Il modello più potente di Tesla accelera da zero a cento in 4,4 secondi, raggiunge i 210 km/h di velocità ma soprattutto lo fa nello spazio di ottocento metri e con zero emissioni! I CV che muovono la Tesla sono ben 441 mentre la coppia, erogata già a 0 giri, è di 600 Nm, davvero impressionante.

Un’altra cosa che assolutamente stupisce è la sua autonomia, praticamente infinita. I dati si attestano a 480 km, rispettando ovviamente i limiti di velocità. Noi l’abbiamo provata è possiamo confermare tale dato, chi la usata a lungo ci ha confermato che ha viaggiato senza problemi da Trento a Milano con un solo pieno di energia.

Per chi soffrisse di eventuali ansie di ricarica, Tesla sta lavorando per istallare una stazione supercharger sulla Milano-Genova che sarà operativa da questo luglio, il guidatore, in appena 20 minuti, il tempo per un caffè, sarà in grado di dare una carica alla sua Tesla per altri 150 chilometri di percorrenza.

Altro particolare che colpisce una volta seduto al volante è il suo enorme e sofisticato, ma intuitivo, touchscreen da 17”.
Da qui si può controllare tutta l’elettronica della vettura, dal consumo dell’energia istantanea, al web per leggere le ultime news, alle telecamere, musica o la gestione del tetto panoramico interamente vetrato. Basta infatti sfiorare lo schermo touch-screen per aprirlo, con l’apertura massima più ampia di qualsiasi altra berlina.

Tesla Model S -  touchscreen da 17”

Il mercato riguardo le vendite di Tesla nel mondo ha risposto in maniera assolutamente positiva, il prossimo anno uscirà anche un SUV sempre totalmente elettrico, le prenotazione hanno infatti già superato le 15.000 unità. Testimone del grande interesse di questa azienda è anche il mercato economico finanziario che ha fatto schizzata le sue azioni da 31 $ a 200 $ in appena un anno.

Provatela e vi innamorerete già dal primo appuntamento!
Marco Del Bo

Written by Francesca

Vera Consulting, formazione per il mondo del lusso

Ferragamo per gli Uffizi