Temporary Museum for New Design

Evento Fuorisalone 2011E’ ormai iniziato il conto alla rovescia per l’inizio della settimana più attesa da tutti i “design addicted”.

Nel corso del Salone del Mobile 2011, la modaiola zona di Via Tortona, ospiterà i numerosi appuntamenti del Fuorisalone, diventati ormai un must per tutti i milanesi e non, che si riverseranno per le vie della Milano creativa attirati da mostre, spettacoli ed eventi.

Proprio nel contesto del Fuorisalone, Superstudio Più, l’esclusivo polo del design internazionale costruito come un museo dell’eccellenza, è sede per il terzo anno consecutivo del Temporary Museum for New Design.

Si tratta di una esposizione di format museale che presenta circa 50 espositori da tutto il mondo con la presenza dei più grandi designer.
“Meno fiera e più museo” è il motto del progetto che è ideato da Gisella Borioli con la direzione artistica di Giulio Cappellini.

Gli iconici edifici bianchi di Superstudio Più sono suddivisi in “gallery”, quest’anno ancora più ampie, costruite come tante “mostre” e installazioni dai layout espositivi di forte impatto.

10mila metri quadri e più di 30 brand ospitati che rappresentano il meglio della ricerca in campo internazionale, con la presenza di nomi prestigiosi come Canon, Samsung, Alcantara, Diesel, Foscarini, impegnati in installazioni museali di grande appeal; e poi architetti e designer internazionalmente noti come Paola Navone, Koichi Suzuno e Shinya Kamuro (Torafu), Michele De Lucchi, Karim Rashid solo per fare qualche nome.

Il Temporary Museum for New Design sarà una tappa da non perdere per il pubblico, professionale e non, che verrà accolto in un luogo di grande bellezza, con servizi esclusivi, a partire dal giardino che offre area verde e relax, lounge, aree relax, book-shop, press-office e info-point, ristorante Dada cafè, Sake bar, la King’s Design House sul roof (su invito).

L’appuntamento è al civico 27 di Via Tortona.

Per maggiori informazioni:
www.superstudiogroup.com

Written by Chiara

Festival di Cannes 2011

Louis Vuitton, il tempo si fa prezioso