Tefaf 2010, un mondo di arte

Redazione
12/03/2010

Tefaf 2010, un mondo di arte

Dal 12 al 21 marzo
Si avvicina, come vi avevamo anticipato la XIX edizione del Tefaf, importante fiera d’arte internazionale in programma dal 12 al 21 marzo 2010 a Maastricht. Nonostante il periodo di crisi, il numero di espositori è in crescita: 260, contro i 239 dell’anno scorso. Tra i nuovi anche Rita Fancsaly di Milano. Si allarga anche la cerchia dei paesi di provenienza, che nell’edizione attuale comprende anche Cina e Uruguay.

The European Fine Art Fair si rafforza in termini di qualità, grazie ai suoi espositori che propongono i loro oggetti d’arte e d’antiquariato di pregio, tutti sottoposti alla valutazione di un team di esperti. Quest’anno la Fiera si estende ulteriormente, grazie all’introduzione di TEFAF on Paper, una nuova sezione interamente dedicata alle opere su carta.

Nove le sezioni, di cui la più grande è dedicata all’Antichità e Opere d’Arte dove esporranno 97 dealer. La seconda sezione più grande è quella riservata ai dipinti, disegni e stampe, con 64 espositori e l’Arte Moderna con 45 gallerie.

Saranno mostrate al pubblico circa 30.000 opere che includono dipinti, disegni, stampe, sculture, mobili, antichità classica, manoscritti miniati, gioielli, tessili, porcellane, vetri, argenti, design e altre opere d’arte. Ogni epoca, dall’antichità classica al XXI secolo, sarà rappresentata.

Tra le opere più  significative il Courtenay Compendium, una collezione di documenti storici che a lungo si credeva perduta e di cui l’ultima traccia risale al XVI secolo. Contiene il primo manoscritto legato a Marco Polo, apparso per la prima volta sul mercato cento anni fa. E’ proposto dal mercante svizzero Dr Jörn Günther Rare Books. E ancora un sigillo Tianhuang del periodo Kangxi  (1662-1722) in Cina, inciso con una leonessa accucciata, esposto da Littleton & Hennessy Asian Art Ltd di Londra. Realizzato da un maestro artigiano, questo sigillo alto 5 cm porta inciso su un lato il nome di uno dei figli dell’Imperatore. Presente anche una tavola d’altare domestica del XV secolo di Giovanni di Paolo, rappresentante la Madonna con Bambino su un trono tra i santi ed è in mostra da Moretti Fine Art Ltd di Firenze, Londra e New York. Tra le opere più recenti un Ritratto di George Washington dipinto nel1822 dall’artista americano Gilbert Stuart, rappresentante il primo Presidente degli Stati Uniti, portato da un nuovo espositore Hammer Galleries di New York e Senza titolo XVI, (1982) dell’ artista olandese Willem de Kooning, divenuto uno dei principali artisti dell’Espressionismo Astratto negli Stati Uniti, proposto da un nuovo espositore L&M Arts di New York.

La maggior parte dei partecipanti che espongono per la prima volta sono presenti a TEFAF on Paper, la nuova iniziativa, alla quale è stata dedicata tutta una sezione della Fiera, che propone disegni di antichi maestri e disegni moderni, ma anche stampe in edizione limitata, fotografie, libri e manoscritti antichi, stampe giapponesi e acquerelli.

Tra i lavori esposti una stampa in resina pigmentata del compositore tedesco Richard Strauss scattata nel 1904 da Edward Steichen, Men Wrestling, New York, una di una serie di fotografie commissionate attorno al 1975 da Francis Bacon e utilizzate dall’artista inglese nato a Dublino come documentazione per i suoi dipinti, la Testa di Giulio Contarini secondo Alessandro Vittoria disegno eseguito da Giovanni Battista Tiepolo, il grande artista veneziano del XVIII secolo, una serie di litografie di Henry de Toulouse-Lautrec e di Henri-Gabriel Ibels dal titolo Le Café Concert, un bloc-notes di 16 fogli compilato da Pablo Picasso e un libro illustrato, contenente  litografie originali di Oscar Kokoschka.

Non manca uno spazio dedicato alle nuove gallerie, TEFAF Showcase, e uno dedicato al design, con lavori di Frank Lloyd Wright, Gio Ponti e Le Corbusier, tra gli altri.

http://www.tefaf.com/