Taylor Swift vs Apple Music

Chiara
23/06/2015

Taylor Swift ha contestato su Tumblr la decisione di Apple di non pagare le royalty agli artisti e ai produttori durante i 3 mesi di prova del nuovo servizio di musica Apple Music

Taylor Swift vs Apple Music

Botta e risposta 2.0
Il botta e risposta tra Taylor Swift e Apple si è chiuso con il risultato di 1 a 0 per la reginetta del pop.

A pochi giorni dall’arrivo in Italia degli Apple Watch, la casa di Cupertino ha dovuto tornare sui propri passi per quanto riguarda il lancio del servizio Apple Music, disponibile dal prossimo 30 giugno per iPhone, iPad, iPod touch, Mac e PC in oltre 100 Paesi.

La nuova app, che offre un rivoluzionario servizio di streaming musicale che trasmette 24 ore su 24, per i primi 3 mesi è gratis e poi è prevista un’iscrizione mensile di 9,99 dollari o 14,99 dollari per gruppi familiari fino a 6 persone.

Attraverso una lettera aperta pubblicata su Tumblr, intitolata “To Apple, Love Taylor”,  la cantante americana ha voluto contestare la decisione del colosso della Silicon Valley di non pagare le royalty agli artisti e ai produttori durante i 3 mesi di prova del nuovo servizio di musica.

A chiudere la polemica ci ha pensato un tweet di Eddy Cue, Senior Vice President Internet Software and Services di Apple: “Apple Music pagherà gli artisti anche anche durante il periodo di prova”.

Per la serie, basta chiedere (anche ai tempi dei social).

Tweet di Eddy Cue