Tag Heuer

Storie di orologi
Le origini della maison elvetica Tag Heuer risalgono al 1860 quando Edouard Heuer apre un laboratorio di orologeria a Saint-Imier, tra le montagne del Giura svizzero. Nel 1876 fonda la filiale di Londra e nel 1883 si aggiudica la medaglia d’argento in occasione dell’Esposizione Internazionale di Amsterdam.

Nel 1887 Jules-Edouard, figlio di Edouard Heuer, entra a far parte del management, e il brand brevetta il pignone oscillante per i cronografi meccanici, ancora oggi utilizzato dai marchi più prestigiosi.

Negli anni vengono incamerati altri brevetti: nel 1895 quello per la prima cassa impermeabile per orologi da tasca, nel 1908 quello per il quadrante da pulsometro che i medici utilizzano ancora oggi, nel 1910 quello per il primo meccanismo da tasca senza chiavi e con carica a corona, nel 1911 quello per il Time of Trip (primo cronografo di bordo per automobili e aeromobili).

Una data da ricordare è il 1914, anno in cui viene lanciato il primo cronografo da polso del marchio con cassa argento, quadrante smaltato e lancette luminescenti.

Dal 1920 prende il via la produzione di cronometri sportivi che portano Tag Heuer a diventare cronometrista ufficiale di 3 edizioni consecutive di Giochi Olimpici: Anversa (1920), Parigi (1924) e Amsterdam (1928).

Il mondo dello sport sarà il settore trainante di questi segnatempo di lusso anche per gli anni successivi, dal mondo delle corse automobilistiche a quello delle regate, dello sci e del golf, conquistando addirittura lo spazio nel 1962 al polso dell’astronauta John Glenn.

Tag Heuer Mikrogirder

Oltre a numerosi riconoscimenti internazionali la Maison vanta storici cultori: dal Generale Eisenhower al Principe William di Svezia.
Tra i testimonial più amati vi segnaliamo Steve McQueen, Clay Regazzoni, Ayrton Senna, Leonardo Di Caprio, Cameron Diaz, Fernando Alonso, Jenson Button e Lewis Hamilton.

Ultimo successo messo in bacheca dal brand è il premio Aiguille d’Or ricevuto al Grand Prix d’Horlogerie di Ginevra 2012 grazie al modello Mikrogirder.

Per apprezzare la storia di Tag Heuer in ogni suo dettaglio è d’obbligo una visita al Tag Heuer 360 Museum, inaugurato a La Chaux-de-Fonds il 30 gennaio 2008.

www.tagheuer.com

Avatar

Written by Chiara

Ivana Omazic da Maison Martin Margiela

Uragano Sandy, le star si mobilitano